Senza categoria

FOCACCIA con ERBETTE EMMENTHAL e ACCIUGHE



Avrete intuito che questa è la classica ricetta per far fuori gli avanzi o cibi in scadenza! Infatti il lievito andava utilizzato, le erbette potevano reggere ancora qualche giorno ma già che c’ero le ho usate, il formaggio era tagliato a dadini da giorni per una precedente ricetta. 
Evidente che potete cambiare gli ingredienti e soprattutto le dosi, io avevo quelle cibarie da finire  ma potete mettere molta più verdura, meno formaggio, meno acciughe, ecc…
Con queste dosi ne viene fuori una bella teglia grande, o due tonde più piccole, comunque direi una porzione abbondante, perfetta se siete un po’ di persone, mentre se siete pochi, due, o mangerete molto o si surgela.
A casa malata, accendo la tv, la sera, per quanto non sia una grande fruitrice di televisione, ho maggiormente presente cosa viene trasmesso, durante la giornata non essendo mai a casa non ho la minima idea.
Resto perplessa dalla quantità infinita di televendite che vengono trasmesse tutto il giorno, si vende di tutto dai gioielli ai materassi, dalle mutande ai coltelli, facce che cercano di convincerti in modo efficace per ore e ore, mi viene da chiedermi se qualcuno acquista ma la risposta è evidente se ci son tutti questi canali dedicati.
Canali improbabili, regionali, a carattere religioso, sportivo, radiofonico, i cui presentatori si muovono dietro alla telecamera in modo goffo, poco sorridente, ripetitivo, insomma potrei quasi quasi cavarmela meglio io.
Film belli o repliche di telefilm belli pochi, giusto qualche canale, programmi osceni di gossip che ufficialmente son chiamati intrattenimento, dove intervistano la nonna di uno ammazzato, o la ex di un pregiudicato, interviste che vogliono creare suspance o finta solidarietà!
Eppure son programmi che esistono da anni qualcuno li guarda per forza, a me oltre a irritarmi mi annoiano anche, specie quelli dove cercano sempre di commiserare, indurre alle lacrime, mi chiedo sempre perchè uno si presta a queste interviste, viene pagato? un momento di gloria? il desiderio di dire qualcosa che ritiene importante? il fascino della tv? 
Sarà che io se vedo una telecamera cerco di sparire rapidamente, se poi dovessi essere chiamata a parlare di qualcosa che mi tocca da vicino non vorrei mai apparire in tv, che gliene importa agli altri? perchè dovrei parlarne davanti a milioni di persone? se poi fosse una questione veramente grave non mi piacerebbe nemmeno lucrarci per intascare dei soldi, anche se tanti (non ho la minima idea di quanto possano essere pagati i protagonisti di questi servizi).
Poi capito sulle repliche o le dirette, non ho capito, del Grande Fratello, che pena, ma non entriamo nei dettagli, credo che non parteciperei per milioni di dollari, impazzirei chiusa in una casa per mesi senza libri, giornali, film, rapporti normali, cioccolato e con una telecamera che mi segue anche in bagno.
Dopo pochi minuti di Grande Fratello ho spento tornando al mio libro, decisamente meglio ma molto meglio!

Ingredienti:

per la focaccia:
500 gr di farina di grano duro
200 gr di farina 00
25 gr di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero
sale 
olio d’oliva
acqua 
200 gr di erbette (aglio/olio)
150 gr di Emmenthal
5-6 filetti di acciughe


1 Preparate la focaccia: mescolate le due farine, setacciatele e versatele o in una ciotola ampia o sul piano da lavoro, formate una fontana, al centro mettete lo zucchero e il lievito sciolti in 1 dl di acqua tiepida, impastate con 1, 5 dl di acqua, 3 cucchiai di olio e un cucchiaino di sale fino a ottenere un composto morbido. Formate una palla, ungetela con due cucchiai di olio, mettetela in una ciotola, coprire e fate lievitare per due ore.
2 Cuocete le erbette già lavate in un’ampia padella insieme o dell’acqua o un paio di cucchiai d’olio e aglio che poi toglierete, tagliate a dadini il formaggio e a filetti di un cm le acciughe.
3 Riprendete la pasta, ungete con l’olio una teglia da forno, stendete con le mani la pasta cercando di allargarla (senza romperla) per coprire l’intera teglia, fate lievitare ancora 20 minuti.
4 Accendete il forno a 220 gradi, con il pollice della mano formate dei buchetti sulla pasta della focaccia, cospargete d’olio, poi distribuite l’erbette, il formaggio e le acciughe su tutta la superficie dalla focaccia, cuocete per circa 25 minuti.

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    elenuccia
    27 marzo 2014 at 20:54

    Non mi parlare di TV, io oramai non la guardo più da un sacco di tempo perchè è veramente deprimente. E la cosa ancora più deprimente è che si vede che la gente la guarda altrimenti cambierebbero il tipo di programmazione. Ormai le uniche cose che si guardano sono solo le repliche dei vecchi film, tipo Don Camillo e Peppone 😉
    Meglio consolarsi con due fettone di questa focaccia. Ha davvero un'aspetto invitante, è lievitata benissimo

    • Reply
      Lilli nel paese delle stoviglie
      28 marzo 2014 at 16:03

      Adoro Don Camillo e Peppone, li ho visti mille volte, effettivamente è lievitata bene, ero un po' in dubbio ma alla fine il risultato era ottimo, grazie

  • Reply
    Antro Alchimista
    27 marzo 2014 at 21:03

    Erbette ed emmental… a me garba proprio tanto!

  • Reply
    Annalisa Marchi
    27 marzo 2014 at 21:10

    Che buona questa focaccia!! Da mangiarsela tutta!!!

  • Reply
    Erica Di Paolo
    27 marzo 2014 at 22:05

    Io ho fatto così: ho spento la televisione. Il mondo ha infinità di meaviglie di cui riempirsi le giornate!!!!
    Splendida focaccia e favolosa soprattutto per l'intento di sfruttare le cibarie da far fuori ^_^
    Brava Lilli.

    • Reply
      Lilli nel paese delle stoviglie
      28 marzo 2014 at 16:09

      Finire gli avanzi sempre, prima regola! Sicuramente ci son mille altre cose da fare che guardare la tv, migliori e più divertenti, grazie Erica!

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    28 marzo 2014 at 17:10

    le ricette nate dalla necessità di riutilizzare avanzi e cibi in scadenza sn sempre le mie preferite! si dà sfogo alla creatività e qst è tutto un bene! 🙂 brava!

    • Reply
      Lilli nel paese delle stoviglie
      28 marzo 2014 at 19:48

      Vero, e poi seguire le ricette è decisamente più noioso, almeno a volte! stasera faccio i tuoi biscotti al cacao poi ti dico!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA I Maestri del Panettone, torna a Milano per la seconda edizione