Senza categoria

STRUDEL al CIOCCOLATO con AMARETTI e NOCCIOLE


L’ho chiamato strudel ma nulla ha dello strudel questa specie di rotolo? tronchetto? non so come chiamarlo! Non me ne vogliano gli estimatori e i sapienti pasticceri che sfornano lo strudel!
Sabato ho fatto le chiacchiere, tante, ma tante, quando ho superato oltre le trenta chiacchiere mi sono fermata, mi facevano male le braccia, avrei dovuto stenderle con la macchina ma pigramente ho utilizzato il mattarello facendo molta più fatica essendo necessario stenderle sottili.
Stremata ho avanzato un quarto di pasta (nella ricetta ho messo la dose intera, regolatevi voi), l’ho messo in frigorifero senza pensare come lo avrei riciclato, domenica mattina ho pensato a questo dolce, non avevo mai cotto in forno in questo modo la pasta delle chiacchiere ma in fondo cosa mai sarebbe potuto succedere?
Ed ecco questo dolcetto farcito con altri avanzi, un rimasuglio di nocciole, qualche amaretto che ormai andava terminato e il cioccolato che non manca mai.
Una consistenza diversa da quelle a cui siamo abituati, nulla a che vedere con una frolla, una sfoglia o una brisee, potrebbe ricordare il pane ma non ci assomiglia al tatto, potremmo dire simil biscotto ma non è del tutto corretto come paragone, comunque buono e ben farcito, piccoletto ma appunto è realizzato con un avanzo, il ripieno va be’ inutile dire che è squisito, amo tutto quanto contiene.
Buona giornata di sole.



Ingredienti:

per la pasta:
500 gr di farina
50 gr di burro
80 gr di zucchero
mezza bustina di lievito per dolci
30 ml di vino bianco secco
un pizzico di sale
3 uova + 1 tuorlo
130 gr di cioccolato fondente
8 amaretti
40 gr di nocciole
2 cucchiai di zucchero di canna


1 In una ciotola capiente versate tutti gli ingredienti della pasta, amalgamate, formate una palla, lavoratela per circa 5 minuti, coprite con la pellicola e fatela riposare in frigorifero per mezzora.
2 Prendete la pasta e con un mattarello stendetela formando una specie di rettangolo, altezza 2-3 millimetri, cospargetela con il cioccolato spezzettato a quadretti, lo zucchero, gli amaretti sbriciolati e le nocciole tritate grossolanamente, fate attenzione a lasciare un po’ di spazio sui bordi senza ripieno.
 Arrotolate la pasta su stessa, sigillatela con cura, infornate a 200 gradi per mezzora.




You Might Also Like

50 Comments

  • Reply
    Alessia Mirabella
    20 gennaio 2015 at 10:21

    Questo è decisamente un attentato alla mia dieta! Bando alle ciance, a questo punto il nome poco importa… è bellissimo, immagino che profumo… 🙂 bravissima come sempre!

    • Reply
      lillinelpaesedellestoviglie
      21 gennaio 2015 at 9:51

      troppo carina, più che profumo la lava di cioccolato è splendida da vedere e da mangiare!! un abbraccio

  • Reply
    Scamorza Bianca
    20 gennaio 2015 at 11:34

    Ahaha i puristi dello strudel staranno arricciando il naso, io invece, mi sto leccando i baffi! Buonissimo!!!!!

  • Reply
    Lory B.
    20 gennaio 2015 at 13:42

    Un esperimento perfettamente riuscito, dopo aver letto la tua ricetta, vedrai quante avanzeranno un quarto di pasta… io sì di sicuro ^_^
    Un bacione cara e complimenti!!

  • Reply
    ~ Inco
    20 gennaio 2015 at 15:06

    magnifico questo rotolo..se l'avessi sotto mano, non lascerei neanche le briciole.
    Un abbraccio forte<3

  • Reply
    consuelo tognetti
    20 gennaio 2015 at 17:48

    Una ricetta riciclosa davvero golosissima 😛 Bellissima idea, complimenti!

  • Reply
    La cucina di Esme
    20 gennaio 2015 at 19:30

    dove c'è ciooccolato io arrivo come ape sul miele e chiamalo come vuoi io ho copiato la ricetta perchè lo trovo golosissimo!
    baci
    Alice

  • Reply
    Silvia Brisigotti
    20 gennaio 2015 at 20:15

    Bellissima idea Lilli!! Poi la pasta delle chiacchiere è favolosa e sicuramente farcita con quelle delizie è un dolce originale e squisito! Brava!!

  • Reply
    Cristina D.
    21 gennaio 2015 at 0:18

    Strudel o non strudel…è pure molto più invitante dello strudel tradizionale che di mio non mi fa impazzire. Io cioccolato invece…quello sì che è irresistibile !

    • Reply
      lillinelpaesedellestoviglie
      21 gennaio 2015 at 9:57

      a me piace lo strudel ma se me lo mettessero davanti insieme a del cioccolato….sceglierei il secondo! grazie

  • Reply
    Zonzo Lando
    21 gennaio 2015 at 8:00

    Che importa il nome, basta che sia buonissimo no? E il tuo sono sicura che lo è 😉 Bacioni cara!!! Buona giornata

  • Reply
    i Pasticci di Terry
    21 gennaio 2015 at 8:07

    Buonissimo, anche io adoro tutti gli ingredienti che ci hai messo! Tutto bene Lilli? Un grande abbraccio, forza ♥

  • Reply
    Michela Sassi
    21 gennaio 2015 at 8:09

    Che meraviglia cara… lo vorrei adesso per iniziare questa giornata sottotono…. un bacione!

  • Reply
    Elisa Ciarlantini
    21 gennaio 2015 at 8:40

    Mamma mia che golosità 😛

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    21 gennaio 2015 at 8:51

    ma quindi è un riciclo??? ma dai!!! che meraviglia hai tirato fuori lilli????

  • Reply
    Lilli
    21 gennaio 2015 at 9:16

    Mi sa tanto di coccole e comfort.. aaaa quanto avrei bisogno di una bella fetta! E di comfort! Da un po' che non giravo sul tuo blog (tipo 5 giorni, un'eternità :))) ) che bello tornarci! Buona giornata!

  • Reply
    Vaty ♪
    21 gennaio 2015 at 10:56

    Lilli cara.. ahhahah ho visto anch'io che aveva un imposto non da strudel e poi ho letto il post ^_^ ti adoro, lo sai :))

  • Reply
    speedy70
    21 gennaio 2015 at 13:15

    Ghiottissimo il tuo strudel, ottimo abbinamento!!!!

  • Reply
    SABRINA RABBIA
    21 gennaio 2015 at 13:54

    TROVO ASSOLUTAMENTE AZZECCATA LA TUA SCELTA DI UTILIZZARE QUESTA MERAVIGLIOSA PASTA PER UN DOLCE COSI' BUONO!!!!BRAVISSIMA!!!!BACI SABRY

  • Reply
    Marghe
    21 gennaio 2015 at 14:26

    Oddio tesoro, alla faccia del riciclo, questo è una meraviglia!!
    La nonna di Fabio a 96 anni suonati prepara ancora le chiacchiere per tutta la famiglia, e sono una favola 🙂
    Chissà se anche noi avremo la stessa tempra dei nostri nonni!
    Un bacio gigantesco e spero che ora le braccia vadano meglio, di certo ti sei consolata con questo dolcino stupendo <3 <3 <3

    • Reply
      lillinelpaesedellestoviglie
      21 gennaio 2015 at 16:52

      la nonna di fabio un mito, alla sua età si vede che ha ancora energia da vendere, dubito, purtroppo che noi (tu sei più giovane) avremmo la stessa tempra! buona serata bella mia!!!

  • Reply
    Fr@
    21 gennaio 2015 at 16:18

    Come dico spesso le ricette nate dagli avanzi, regalano tante belle sorprese.

  • Reply
    Emanuela - Pane, burro e alici
    21 gennaio 2015 at 16:45

    Ascolta, chiamalo come vuoi, ma io questo dolcetto già lo adoro! E' davvero invitantissimo! 🙂
    Complimenti cara!

  • Reply
    Valentina
    21 gennaio 2015 at 17:18

    Buonooooo… cioccolato, amaretti e nocciole.. ma come si fa a resistere?! ^_^ Bravissima!!! Sono anche io del partito #freghiamocenedelnome 😀 Evviva la bontà! 😉 Un abbraccio grande <3

  • Reply
    Polvere di Riso
    21 gennaio 2015 at 18:15

    un idea di riciclo super geniale e golosissima !!! bravissima!!! :-*

  • Reply
    LaRicciaInCucina
    22 gennaio 2015 at 9:42

    eh ma che buono!!!! chiamalo come vuoi ma indipendentemente dal nome a me pare 'na squisitezza.
    mamma mia sono sono le 10:40 ed il mio stomaco grida vendetta già da ore!!!!
    sarà una lunga giornata :-)))))
    Un abbraccio

  • Reply
    Valentina Spinetti
    22 gennaio 2015 at 11:03

    mamma che bontà!

  • Reply
    Chiara Setti
    22 gennaio 2015 at 19:01

    Che spettacolo amica!anche meglio dello strudel originale!!! 🙂

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Avocado burger