verdure

Pakora di verdure

pakora, india, frittelle, erbe, spezie, verdure, dal mondo, fritto

Chi è stato in India sa bene di cosa sto parlando, sicuramente ne ha mangiate tante e spesso perchè son ottime e sempre diverse, cambiano le verdure, le spezie, le erbe, sono delle frittelle, delle polpette di verdure, non so quale sia il termine corretto. Un piatto tipico, molto comune, impossibile andare in India e non mangiarle!

L’India è un paese splendido, unico, ricco di contraddizioni, colorato, profumato, caotico, rumoroso, indimenticabile.

Per anni pensando a un viaggio da intraprendere  l’India non era mai rientrata  nei miei pensieri, sicuramente suggestionata dalle immagine televisive di tanti poveri, miseria, fame, poi nel luglio del 2006 per il mio compleanno mi regalarono Shantaram un romanzo non sull’India ma ambientato in India, una storia con intrighi, amore, vicende famigliari, un po’ di thriller.

Ogni pagina pensavo -devo andarci-, proseguendo nel libro ne ero sempre più convinta, detto fatto! Agosto 2007 l’ho trascorso in India, un paese sicuramente duro, con tanta miseria, povertà, spesso la sera tornando in albergo vedevi persone dormire in strada, sdraiati sullo stesso terriccio dove era passata una mucca, un camion, lo scolo di una fogna.

Un paese molto rumoroso, caotico, girare in macchina per le strade di New Delhi è un’avventura, la strada è di tutti, ti trovi in coda a un semaforo fra il pullman, la mucca (animale sacro non si tocca, non si sposta), una bicicletta, un suv e un carretto pieno all’inverosimile.

Il Gange, il fiume sacro, è un crocevia di tutto ma proprio tutto, ho assistito (per caso) a un funerale dove una barca ha trasportato lontano da riva un corpo fasciato in un lenzuolo per poi abbandonarlo alla corrente, la stessa acqua dove lavano i vestiti, bevono gli animali, si lavano corpo e capelli gli indiani, un acqua marrone intenso, tu ne stai lontano per loro è tutto.

Un paese con una forte spiritualità, moltissimi templi, cerimonie religiose con simboli, fiori, preghiere; un paese dai colori forti intensi, a cominciare dai sari delle donne, il loro vestito tipico, splendido, di colori accesi, brillanti, con molteplici sfumature; un paese dove si mangia benissimo, molto vario, verdure, carne, pesce, legumi, pane, zuppe, spezie declinate in ogni modo.

Potrei continuare ore a parlarvi dell’India, mi limito a dirvi andateci, per chi ha pregiudizi, paura, teme un confronto troppo forte con una realtà tostissima, con la povertà, lo sporco, andate comunque, tutti questi elementi ci sono ma se da lontano sembrano un ostacolo quando sarete lì li affronterete scoprendovi più forti di quel che credevate, li supererete godendovi quanto di bello questo immenso paese puo’ regalarvi.

Se volete andarci torno con voi….magari!

 

fritelle, india, fritto, dal mondo, verdure, legumi, spezie, erbe

 

Ingredienti:

per circa 15 pakora

165 gr di farina di ceci

1 cucchiaino raso di curcuma

1/2 cucchiaino di peperoncino

1 cucchiaino di garam masala

1 patata piccola

60 gr di cavolfiore

50 gr di piselli

1 cipolla piccola

2 cucchiai di foglie di coriandolo fresche tritate

2 cucchiai di basilico fresco tritato

2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato

1 spicchio d’aglio

olio per friggere

pakora, india, verdure, frittelle, spezie, erbe, verdure, dal mondo

1 Preparate la pastella setacciando la farina di ceci con la curcuma, il peperoncino, il garam masala, salate e aggiungete 150 ml circa di acqua, dovrete ottenere una pastella abbastanza densa. Coprite e fate riposare una mezzora.

2 Preparate le verdure, lessate il cavolfiore e i piselli nel mentre tagliate finemente la cipolla e la patata.

3 Unite le verdure tutte insieme, aggiungete l’aglio tritato, il prezzemolo, il coriandolo e il basilico, mescolate.

4 Unite le verdure alla pastella mescolando, intanto scaldate l’olio per friggere in una capiente padella antiaderente.

5 Friggete le vostre pakora per almeno 5 minuti girandole di tanto in tanto, dovranno risultate belle dorate.

NOTE: è normale che la forma sia irregolare, se non trovate il coriandolo fresco potete non metterlo, potete omettere l’aglio se temete che si senta troppa, anche se vi assicuro che nell’insieme non lo sentirete, se non avete il garam masala potete creare il vostro mix di spezie da soli, curcuma, paprika, pepe, cumino.

pakora, india, frittelle, erbe, spezie, verdure, dal mondo, fritto

You Might Also Like

18 Comments

  • Reply
    La mia famiglia ai fornelli
    1 aprile 2016 at 11:17

    non sono mai stata in india, ma deve essere affascinante! per il momento mi gusto queste frittelle!

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:39

      brava linda, sentirai che bontà!

  • Reply
    saltandoinpadella
    1 aprile 2016 at 12:03

    L’India mi affascina molto ma non ho mai avuto il coraggio di andarci. Ho sempre avuto l’impressione che fosse un posto difficile da gestire girando da soli, senza qualcosa di organizzato. Io sono da vacanze autogestite, mi piace decidere cosa fare e quanto tempo dedicarci, quindi non faccio mai viaggi organizzati. Certo deve essere un luogo straordinario.
    Credo di non aver mai mangiato queste frittelline, sembrano molto invitanti, anche perchè io amo molto le spezie.

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:41

      io son stata con un’amica viaggio fai da te, non abbiamo avuto alcun problema, se è quello che ti preoccupa è fattibilissimo! buona serata!

  • Reply
    Su
    1 aprile 2016 at 16:48

    Ottimi e bellissimo il tuo racconto dell’India. Ci sono stata ma troppo poco e parte del tempo in un ashram, mi manca “il viaggio”. Se mi organizzo ti faccio un fischio!
    baci

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:41

      magari, sarebbe molto tornare!

  • Reply
    zia Consu
    1 aprile 2016 at 18:28

    Non sono mai stata in India ma concordo con te che sia un posto dove ritrovare la propria identità, un viaggio più spirituale che in molte altre parti del mondo, dove puoi toccare con mano una realtà diversa da quella che siamo abituati noi.
    Sarei proprio curiosa di assaggiare queste pakora e magari di accompagnarti in uno dei tuoi prossimi viaggi ^_*
    Buon we carissima <3

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:42

      si si un viaggio intenso sotto tutti i punti di vista, magari partire!

  • Reply
    Silvia Brisi
    1 aprile 2016 at 22:47

    Ciao cara!! Non sono mai stata in India, mi affascina tantissimo e so che sarebbe uno di quei viaggi che tolgie il fiato, chissà che un giorno . . . In compenso ho assaggiato quelle deliziose polpette più volte in diversi ristoranti indiani nei miei viaggi e mi piacciono tantissimo! Buon we cara, ti abbraccio stretta e grazie per esserci in questi giorni per me tristissimi.

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:43

      cara spero tu stia riuscendo a svagarti e trovare serenità, un abbraccione

  • Reply
    ipasticciditerry
    2 aprile 2016 at 10:20

    Queste frittelline non le conoscevo ma mi piacciono di sicuro! In India c’è andato mio fratello, molti anni fa ed è tornato affascinato e turbato. Mi ha raccontato tante cose, di quelle che hai scritto tu. E’ rimasto talmente affascinato che non volevo più tornare a casa. Pensa che è partito con i soldi di una sua liquidazione, con uno zaino in spalla e non ha dato notizie di sè per quasi 60 giorni. E’ tornato, sporco e puzzolente e senza vestiti. Ha regalato tutto a loro … tutt’ora se gli parli dell’India gli si trasformano gli occhi. Deve essere un paese davvero affascinante. Buon fine settimana Lilli, un bacio

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      2 aprile 2016 at 17:44

      si è un paese che colpisce nel bene e nel male, difficile rimanere indifferenti, suscita molte emozioni! un bacione

  • Reply
    Chiara
    3 aprile 2016 at 8:34

    non sono mai stata in India, però queste frittelline mi attirano molto ! Buona domenica !

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      3 aprile 2016 at 14:42

      provale sentirai che bontà!

  • Reply
    Lilli
    3 aprile 2016 at 12:26

    Ho avuto un’esperienza simile a Il Cairo. Al posto delle mucche mettici gli asini carichi di cocomeri o i cammelli, al posto dei SUV delle vecchissime FIAT tirate a lucido con tanto di pellicce sui cruscotti, motorini con 4 o 5 persone sopra + galline in braccio, taxi con mille ammaccature e il clacson di tutti i tipi di suoni.. 🙂
    Le frittelline mi intrigano parecchio! Ieri sera uno dei tuoi piatti che ho replicato ha avuto un gran successo!

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      3 aprile 2016 at 14:42

      brava junior, son contenta! prova anche le frittelle!

  • Reply
    Fr@
    4 aprile 2016 at 15:16

    Le conosco, le ho provate a fare anch’io. Sono ottime.

    • Reply
      Elisabetta Lecchini
      4 aprile 2016 at 15:19

      concordo ho già voglia di rifarle!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Insalata fredda di orzo