All Posts By:

Elisabetta Lecchini

Travel

Spello

Una piccola perla dell’Umbria a pochi chilometri da Foligno (5 km) e da Perugia (circa 30), la chiamano città dei fiori, non a caso le stradine, i piccoli vicoli, i balconi, le porte,  sono colmi di fiori, vasi, piante, un tripudio di colori e profumi.

 

C’è da perdersi per i vicoli, apparentemente tutti uguali ma in realtà diversi, stretti, con archi, con finestre particolari, con scale adornate di piante, con pietre decorate, con scorci panoramici, porte che sbucano quasi all’improvviso, osservate, perdetevi a guardare quanto di bello vi circonda.

Niente macchine o quasi, tanti negozietti carini, tanti localini dove trionfano formaggi e salumi tipici, torta al testo, piatti con il tartufo, difficile scegliere dove sedersi perchè sono tutti carini, caratteristici, particolari, rigorosamente all’aperto in questo periodo.

 

Ci sono alcuni punti panoramici dove ammirare la vallata, si vede in lontananza Perugia, la strada che collega praticamente tutta l’Umbria, Foligno ma soprattutto Assisi che è molto vicina e imponente svetta all’orizzonte, questo da un lato, dall’altro il tripudio degli ulivi, delle colline, Spello si trova ai piedi del Monte Subasio che merita assolutamente di essere visto, in estate regala frescura, altro motivo per cui merita.

Parlare dell’Umbria è difficile, ovunque ti giri trovi bellezza, arte, cultura, natura, gastronomia, storia, un concentrato immenso di unicità, relax, verde, buon cibo, buon vino, paesini, colline, ulivi, vigne, palazzi, vicoli, stradine, se non ci siete mai stati dovete andarci, è un imperativo!

 

 

contorni/ verdure

Tortino acciughe pomodori e mozzarella

tortino mozzarella acciughe pomodori

Una ricetta super veloce e facile tratta dal libro delle mie mitiche amiche Pancetta Bistrot, quando lo vidi subito pensai di rifarlo essendo totalmente nelle mie corde ed essendo una ricetta davvero semplice da preparare, dieci minuti scarsi, aspetto molto rilevante in estate quando fa caldo e la voglia di stare in cucina viene meno ma non la fame.

Ve lo consiglio vivamente, a casa è andato a ruba, pronto per cena, ne è rimasto molto meno della metà e a mangiarlo sono stati solo i miei genitori…per la serie non gli è piaciuto per niente!

Sole pieno dopo giorni un po’ opachi, motivo per cui corro a mettermi il costume e uscire in giardino per godermi la giornata, buon venerdì ma soprattutto buon ultimo giorno di lavoro per chi è in partenza.

 

tortino pomodori acciughe e mozzarella

Ingredienti:

teglia da 22 cm

200 ml di latte

180 gr di mozzarella

140 gr di farina

15 pomodorini pachino

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

2 uova

1 cucchiaio di olio evo

1 mazzetto di basilico

10 filetti di acciughe

sale

 

tortino di acciughe pomodori e mozzarella

 

1 In una ciotola sbattete le uova con la farina, il parmigiano, l’olio e il latte aggiunto poco alla volta, regolate di sale.

2 Lavate e asciugate i pomodori, disponeteli su una teglia coperta da carta forno, tagliati a metà, tagliate la mozzarella a pezzetti e mettetela sempre sulla superficie della teglia.

3 Accendete il forno a 180 gradi, unite le foglie di basilico lavate e asciugate, tenete da parte qualcuna per decorare, mescolate, versate il composto sui pomodori e la mozzarella.

4 Infornate per 20 minuti dopo unite i filetti di acciuga e cuocete per altri 25 minuti, sfornate e lasciate intiepidire.

tortino mozzarella pomodori e acciughe

DOLCI

Millefoglie alle pesche e pistacchi

millefoglie con crema pistacchi e pesche

Buon 1 agosto, il mese per eccellenza delle vacanze, delle code in autostrada, dell’anguria, delle grigliate, del cocco in spiaggia, delle guance rosse dal sole, degli aeroporti in iper attività, il mese dei tuffi, delle camminate in montagna, delle mangiate all’aperto, dei piedi nella sabbia, dell’aria condizionata, dei sandali, delle canotte, della natura in festa.

Il mese dei gelati, dei piatti veloci, delle passeggiate in pineta, dei tramonti spettacolari, delle visite alle città d’arte, del dopo sole, delle città roventi, della salsedine sulla pelle, delle zanzare, il mese dei pattini e pedalò e della frutta succosa, del basilico fresco e dei campi arsi, della siccità, dei temporali devastanti.

Il mese dei libri sotto l’ombrellone, degli aperitivi, delle scottature, dei fiori che colorano tutto, delle nuvole che viaggiano veloci, dei compiti delle vacanze, dei vestitini, delle birre gelate, delle tavolate in famiglia, dei fuso orario, dei jet leg, delle foto, dei video, dei ritmi lenti, delle belle dormite, degli uccellini che ti svegliano.

Il mese delle sieste pomeridiane, delle partite a carte, delle serate all’aperto, dei costumi stesi al sole e delle serate colme di stelle, dell’asfalto rovente, delle conserve da preparare per l’inverno, il mese delle repliche in tv, dei tormentoni estivi, delle canzonette che tutti ricordano.

Buon agosto!

millefoglie con le pesche e i pistacchi

Ingredienti:

pasta sfoglia (già pronta circa 250 gr)

6 tuorli

300 gr di zucchero

900 ml di latte

70 gr di farina

100 gr di cioccolato fondente

2 pesche non troppo succose

1 cucchiaio di pistacchi

millefoglie con crema pesche e pistacchi

1 Preparate la crema, in una casseruola mettete i tuorli, sbatteteli con lo zucchero, poco alla volta unite la farina, nel mentre in un pentolino o al microonde scaldate trequarti del latte, il restante unitelo al composto che dovrà risultare omogeneo, senza grumi.

2 Mettete sul fuoco medio, aggiungete il latte caldo, mescolate fino a che la crema non si addenserà, deve cominciare a bollire, a quel punto spegnete e unite il cioccolato a pezzetti, mescolate, lasciate raffreddare del tutto.

3 Disponete un pezzo di sfoglia sul piatto da portate, con una sach a poche distribuite la crema pasticcera a ciuffi, mettete delle fette di pesca qua e là e degli amaretti, coprite con un altro strato e ripetete la stessa procedura, nell’ultimo strano decorate come preferite con le pesche, i pistacchi e la restante crema, servite a temperatura ambiente.

Dal mondo/ Pesce

Bowl avocado salmone e zucchine

bowl con avocado salmone e zucchine

Piatti di gran moda da qualche tempo, non delle insalate ma ciotole con tre quattro o più ingredienti non da mescolare ma da lasciare rigorosamente separati, anzi, l’aspetto fondamentale è proprio la presentazione, giocare sul cromatismo dei colori, sulla forma, sul taglio.

Rispetto al contenuto spazio alla libertà, fantasia a gogo, cereali, verdure, avocado, semi, inizialmente sono nati come piatti vegani e vegetariani ora pollo e pesce compaiono spesso, in realtà si possono preparare un po’ con tutto.

Non so bene come mi sia venuta in mente questa ricetta, volevo utilizzare salmone o gamberi e avocado e davanti a me si è materializzata l’immagine di queste belle e buone ciotolone.

Venerdì, ultimo di luglio, un altro mese quasi finito, devo dire, immagino non raccoglierò consensi, che non vedo l’ora sia settembre! Buon fine settimana.

riso con avocado salmone e zucchine

Ingredienti:

per due persone

160 gr di riso

1 avocado maturo

1 zucchina

100 gr di salmone

olio

sale

riso con salmone zucchine e avocado

1 Lessate il riso e lasciatelo raffreddare.

2 Lavate la zucchina, togliete le estremità, tagliatela a rondelle poi saltate in due cucchiai di olio per circa dieci minuti, deve restare croccante, meglio tagliarla abbastanza sottile.

3 Pulite l’avocado e tagliatelo a fette nel senso della lunghezza.

4 Tagliate il salmone come per la tartare, a pezzettini piccoli, c’è anche già pronto volendo.

5 Componete il piatto mettendo il riso sulla superficie come base poi disponete le fette di avocado, il salmone e le zucchine, condite con olio e sale, se volete anche con salse, limone ecc….

Pesce

Involtini di sgombro fagiolini e pomodori secchi

involtini con sgombro pomodori secchi e fagiolini

Eccomi con una nuova ricetta molto molto semplice e veloce che potete tranquillamente personalizzare utilizzando gli ingredienti che preferite, dieci minuti scarsi per realizzarli e altrettanti di cottura.

Torno da un week end in Umbria, ogni volta penso ma quanto è bella? Ovunque ti giri c’è bellezza, natura, storia, cultura, tradizioni, ottimo cibo, ottimo vino, scorci panoramici meravigliosi, tanto verde, anche in città, in poco tempo raggiungi qualsiasi posto e ogni volta è una bellezza.

Da andarci mille volte, tornarci all’infinito e perdersi per i vicoli di Spello, i panorami di Perugia, i salami al tartufo, il pecorino, la torta al testo, i paesi arrocati come Trevi o la più imponente Assisi, la meraviglia della zona del Sagrantino con Montefalco e le cantine, un posto unico e meraviglioso come Casteluccio di Norcia, la selvaggia e poco esplorata Valnerina, la rocca a Spoleto, l’imponenza del Subasio che domina le colline, la dolci colline di Gualdo Tadino e tanto tanto altro.

Regione Umbria se mi vuoi come promoter sono qua!

 

involtini di sgombro fagiolini e pomodori secchi

 

Ingredienti:

per due persone

6 filetti di sgombro

12 pomodori secchi piccoli

fagiolini

2 cucchiai di ricotta salata

3 cucchiai di olio evo

sale

 

involtini con fagiolini sgombro e pomodori secchi

 

1 Preparate tutti gli ingredienti, stendete su un tagliere i filetti, prendetene uno alla volta e farcitelo con due pomodori, una manciata di fagiolini tagliati per coprire la larghezza dello sgombro, spolverate di ricotta salata, proseguite nello stesso modo su tutti i filetti.

2 In una padella antiaderente versate l’olio, lasciatelo scaldare qualche istante, nel mentre arrotolate i filetti su stessi e chiudeteli con due stuzzicadenti, metteteli in padella e lasciateli cuocere per circa una decina di minuti, girandoli a metà cottura, se il filetto è spesso cuocete più a lungo, serviteli caldi o tiepidi.

Primi

Pasta alla norma

pasta alla norma siciliana

Siciliani a me, premetto che non so se questa è la versione originale, l’ho preparata in base al ricordo che ho delle paste alla norma che ho mangiato, può essere che la preparazione non sia esattamente così.

Meglio specificare per non urtare la sensibilità degli isolani ma di tutti quando si parla di piatti tipici e regionali, si sa che ognuno ha le sue teorie, la sua versione, come si suol dire paese che vai usanza che trovi.

Una pasta che più buona non ce n’è ma del resto con il fritto si va sempre sul sicuro e le melanzane sono la verdura campione del fritto, pensiamo alla parmigiana…..felicità assoluta.

Friggere ieri con il caldo non è stato il massimo ma una volta si può anche fare, ci tenevo a inserire sul blog una pasta che amo molto e che mi ricorda un bellissimo viaggio in Sicilia ormai di parecchi anni fa, una settimana in cui mangiai divinamente a costi stracciati.

Sono in partenza per il week end per cui vi lascio, buon fine settimana.

 

pasta alla norma

 

Ingredienti:

per due persone

180 gr di pasta

1 melanzana media

1 etto di datterini

1 spicchio di aglio

olio evo

olio per friggere

50 gr di ricotta salata

basilico

 

pasta siciliana alla norma

1 Lavate la melanzana, tagliatela  a pezzetti, mettete a scaldare abbondante olio per friggere in una padella antiaderente, quando l’olio è ben caldo aggiungete le melanzane, friggetele girandole di tanto in tanto fino a che risultano dorate, scolate su un foglio di carta assorbente.

2 Nel mentre in un pentolino mettete due cucchiai di olio evo, lo spicchio di aglio tagliato a fettine, lasciate soffriggere qualche istante a fuoco medio poi aggiungere i pomodori precedentemente lavata e tagliati a pezzetti, regolate di sale, lasciate cuocere una ventina di minuti, ogni tanto mescolate.

3 Preparate la pasta, quando la scolate conditela con le melanzane, il sugo di pomodori, spolverate con la ricotta salata, aggiungete il basilico.

Antipasti/ contorni/ Creme/ verdure

Crema di pomodori e stracciatella

crema con pomodori stracciatella e basilico

Ricetta veloce e buonissima, preparata ieri per cena ha conquistato tutti, mi sono ispirata a una rivista che però prevedeva molti più passaggi, per esempio sbollentare i pomodori, togliere la buccia, io ho lasciato tutto, anche la cottura del pomodoro l’ho fatta a modo mio.

Carino come antipasto, ottimo come piatto unico se ci aggiungete crostini, altre verdure, formaggi, qualcosa che dia sostanza perchè da sola pur essendoci la panna non vi sazierebbe, si conserva bene per diversi giorni, la riponete in un contenitore ermetico e quando avete voglia ne mangiate un pochino.

Tornata a Milano già rimpiango la montagna, fa caldo anche se non caldissimo, io e la città d’estate proprio non ci troviamo, la guardo e la vedo orribile, stanca, arrancante, con la gente che si trascina e non vede l’ora di fuggire, staccare, la natura, se a Milano si può parlare di natura, sciupata, gli alberi giallognoli, marroncini, un colore indefinito, l’erba secca, brutta e a volte anche sporca.

No non fa per me, estate uguale via da Milano se no è solo sofferenza.

 

crema con pomodorini e stracciatella

 

Ingredienti:

per 5-6 persone

1 kg di pomodori San Marzano

1 mazzo di cipollotti

olio evo

200 ml di panna fresca

200 gr di stracciatella

sale

basilico

 

crema di pomodori e stracciatella

 

1 Lavate i pomodori e tagliateli a pezzetti grossolanamente.

2 Pulite e tagliate i cipollotti grossolanamente, in un’ampia padella fate scaldare qualche cucchiaio di olio, aggiungete i cipollotti e i pomodori, regolate di sale, mescolate e lasciate cuocere circa per venti minuti, fiamma media, se vi sembra che si stiano attaccando aggiungete un po’ d’acqua. Spegnete e lasciate intiepidire.

3 Aggiungete la panna e frullate con il minipimer o in un frullatore, mettete nei bicchierini e riponete in frigorifero almeno un’ora.

4 Prima di servire distribuite in ogni bicchiere la stracciatella e il basilico.

DOLCI

Galette con pesche albicocche e rosmarino

galette con albicocche pesche e rosmarino

Da tempo vedo questa ricetta girare in rete e sui blog, mi ispirava il fatto che il ripieno fosse semplicemente frutta, poco altro, un dolce senza tante lavorazioni, esteticamente rustico, semplice, volutamente casereccio con la pasta irregolare, non è la crostata ben rifinita, con i bordi perfetti.

La pasta una sorta di brisee che ho voluto preparare con la  farina di grano saraceno che mi piace molto e che essendo in montagna ci calza a pennello, ho aggiunto il tocco del rosmarino perchè l’avevo già provato nei dolci e ci sta di incanto.

Un dolce che consiglio se volete un dessert ma senza uova, creme, panna, poco zucchero, giusto il burro della pasta, un dolce che ha tanta tanta frutta, che si prepara in fretta e secondo me piace a tutti, sfruttiamo la frutta di stagione bella succosa.

Siamo a metà luglio, mamma mia come vola il tempo, nel week end che fate, io ancora montagna ma lunedì si torna a Milano.

 

galette con èesche albicocche e rosmarino

Ingredienti:

200 gr di farina

100 gr di farina di grano saraceno

200 gr di burro

acqua ghiacciata q..b.

1 cucchiaio di zucchero di canna

1/2 cucchiaino di sale grosso

1 noce abbondante di burro

5 albicocche

5 pesche tabacchiere

2 cucchiai di zucchero di canna

rosmarino 4-5 rametti

1 Preparate la pasta lavorando le farine, il burro, lo zucchero, il sale grosso, aggiungete l’acqua poco alla volta fino a che non otterrete un composto compatto, omogeneo, mettete in frigorifero per una mezzora.

2 Lavate la frutta, eliminate i noccioli, le pesche se volete sbucciatele (io no), in una padella ampia antiaderente mettete il burro a fiamma media, fate sciogliere aggiungete la frutta tagliata a pezzi grossolanamente, il rosmarino e i cucchiai di zucchero, mescolate e fate cuocere per circa quindici minuti, spegnete, lasciate intiepidire.

3 Con un mattarello stendete la pasta su un foglio di carta forno, adagiatela nella tortiera, farcite con la frutta ben distribuita, ripiegate i bordi sulla torta così come sono in modo irregolare, la mia è spessa perchè mi piace alta, potete stenderla più sottile in quel caso vi avanzerà della pasta, questa tortiera è diametro 24.

4 Infornate in forno già caldo a 200 gradi per 40 minuti, i bordi dovranno apparire dorati. Spegnete e lasciate intiepidire prima di servire.

Primi

Pasta con tonno pomodorini e pesto di fagiolini

Pensavate mi fossi dimenticata di voi? Ebbene credo siia la prima volta, mi sono dimenticata di pubblicare settimana scorsa, me ne sono accorta venerdì sera, sarà l’età o che sono via o che avevo altri pensieri, chissà!

Piatto unico, un pesto che non è un vero pesto sono solo fagiolini frullati con olio e aglio, niente pinoli, niente formaggio, una versione light, pomodorini, tonno cotto ai ferri, senza olio ne’ nulla, diciamo un piatto di pasta abbastanza leggero che è un primo, un contorno, ha le verdure e sazia (pasta 70 gr a persona).

Adoro la frutta e le verdure estiva, mi diverto a creare  abbinamenti, questi piatti veloci, freschi, dove ogni giorno puoi variare con carne, pesce, formaggio, legumi, cereali diversi, verdura cruda, cotta, in versione pesto, magari ogni tanto con qualche tocco esotico come la salsa di soia, l’avocado, i semi di sesamo, la pasta di curry ecc…

Giornata fiacca in montagna, dopo tre giorni belli di sole e caldo, oggi nuvole, sole debole, tanto vento, nuvoloni che incombono, vorrà dire che oggi relax libri, film e alcune lavoretti al pc.

 

 

Ingredienti:

per due persone

140 gr di pasta (no lunga)

125 gr di tonno fresco

100 gr di pomodorini datterini

2 cucchiai di fagiolini

1 spicchio di aglio

olio evo

sale

 

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, nel mentre cuocete in una padella antiaderente il tonno senza aggiunta di olio, circa sei minuti in tutto tre per lato.

2 Lavate i pomodori, tagliateli a metà.

3 Prendete i fagiolini metteteli nel bicchiere del minipimer, unite l’aglio, l’olio a filo a fino che non raggiungete la giusta consistenza frullate.

4 Condite la pasta mescolando il tonno, i pomodorini e iil pesto, regolate di sale, mangiate a temperatura ambiente.

 

 

Antipasti/ verdure

Sfogliatine peperoni mozzarella e acciughe

sfogliatine con mozzarella acciughe e peperoni

Adoro le ricette non ricette, questa è una di loro, chiamarla ricetta infatti è difficile perchè non c’è molto da fare, l’unico passaggio vagamente ostico potrebbe essere arrostire i peperoni ma volendo li compri già arrostiti, per il resto si tratta di assemblare i pezzi e cuocere.

Chiamatelo aperitivo, sfizio, merenda, da portare a un  pic nic, da gustare in terrazza o come antipasto con un prosecco, io direi semplicemente l’idea veloce, che potete realizzare con quello che avete in casa, ottima anche come svuota frigo, finisci avanzi.

D’ estate è d’obbligo passare meno tempo ai fornelli e godersi l’aria aperta, il sole, la compagnia ma anche se siete in città a lavorare, meglio godersi la serata con piatti veloci che non spignattare in cucina che fa anche caldo.

sfogliatine peperoni acciughe e mozzarella

 

Ingredienti:

un rotolo di pasta sfoglia rettangolare

1 peperone arrostito rosso o giallo (o entrambi)

50 gr di mozzarella (meglio quella per pizza)

6 filetti di acciuga

sale

sfogliatine acciughe peperoni e mozzarella

 

1 Srotolate la pasta sfoglia una decina di minuti prima di utilizzarla.

2 Spellate il peperone e tagliatelo a pezzetti grossolanamente, tagliate a pezzetti piccoli la mozzarella.

3 Dividete in sei rettangoli/quadrati la sfoglia, al centro disponete pezzetti di peperoni, cubetti di mozzarella e di acciuga (potete tagliarla o lasciare intero il filetto), spolverate di sale.

4 Ripiegate su stessi i bordi di ogni pezzetto di pasta, dovete creare come un cestino, sigillateli bene e fate in modo che soprattutto la mozzarella rimanga al centro in modo da non fuori uscire.

5 Infornate in forno caldo a 200 gradi per circa venti minuti, servite calde o tiepide.

CONSIGLIA Fiori di sfoglia