All Posts By:

Elisabetta Lecchini

Pesce/ Primi

Fettucce con pesto di coste e totani

fettucce condite con pesto di coste e totani

Un piatto nato per caso, non avevo molto in casa e voglia di uscire non pervenuta nell’ennesimo week end di pioggia, buio ecc…..prima ho pensato alle coste che mi piacciono tanto condite olio, sale e limone ma il limone non c’era e quindi già storcevo un po’ il baso.

Visto che amo il pesto e trasformo in pesto tutte le verdure possibili (qua lo trovate con i peperoni, gli agretti, di mele ed erba aromatiche, con i pomodori secchi, con le castagne, di fagiolini ecc…..) ecco risolta la questione coste, dopo mi sono tornati in mente i totani.

Un abbinamento mai provato ma che mi è piaciuto, il pesto è delicato mentre il totano ha un sapore più deciso, un incontro fra cremoso e non dico croccante ma corposo si, non so se si può dire ma credo abbiate capito.

Se avete qualche pesto da consigliarmi sono qua, magari qualcosa di particolare, intendo dire non zucchine, broccoli, melanzane ecc…che sono piuttosto noti, se vi viene in mente qualcosa che per voi merita, che assolutamente va provato ditemi che sono sempre curiosa. Buona giornata.

 

fettucce con pesto di coste e totani

Ingredienti:

per due persone

200 gr di fettucce

2 cespi di coste di medie dimensioni

mezzo spicchio di aglio

1 cucchiaio di pinoli

olio evo q.b.

2 cucchiai di parmigiano

150 gr di totani già puliti

olio evo

peperoncino

sale

1 Lavate e pulite le coste, utilizzate sia la parte verde che quella croccante, quanto meno una parte, fatele cuocere al vapore o saltate in padella per cinque dieci minuti, lasciate intiepidire.

2 Preparate il pesto mettendo nel mixer le coste, i pinoli, l’aglio, il sale, azionate aggiungendo a filo l’olio, dovete decidere voi che consistenza dargli in base ai vostri gusti, se mettete molto olio diventa quasi liquido, se lo volete più denso regolatevi con il parmigiano aggiungendolo poco alla volta.

3 Mettete a bollire l’acqua per le fettucce, nel mentre in una padella scaldate due cucchiai di olio con peperoncino, unite i totani tagliati sottili a pezzetti e un pizzico di sale (se volete sfumate con del vino bianco ma poco vino), cuocete mescolando ogni tanto per circa una decina di minuti scarsi, assaggiate, non cuocete troppo a lungo se no diventano gommosi.

4 Scolate la pasta e condite con il pesto e i totani.

contorni/ Primi/ verdure

Pizza di polenta con broccoli e castagne

pizza alla polenta con broccoli e castagne

L’idea velocissima per una finta pizza, della pizza ha solo la forma perchè si tratta di polenta, a dirla tutta pure istantanea perchè non sempre si ha il tempo di trascorrere tempo in cucina e preparare piatti come vorrebbe la tradizione.

Aggiungete dei broccoli preparati in precedenza, cotti semplicemente al vapore e delle castagne già cotte pure loro, un avanzo di formaggio e la finta pizza è pronta. Adoro questi piatti un po’ del riciclo, degli avanzi, un po’ intavolati all’ultimo, oltretutto pure piatto unico, la polenta sazia, un po’ di verdura, il formaggio e le castagne.

Ormai ci siamo, è giunto il momento di pensare alle ricette di Natale, sto decidendo che fare, alcuni anni vi ho proposto due menu, uno pesce, uno carne, dall’antipasto al dolce (senza pesce e carne….), altri anni idee sparse di primi, antipasti, contorni, dolcetti, altri anni ancora soprattutto idee regalo, vediamo, un’idea me la sono fatta ma devo ancora decidere.

Se avete idee, suggerimenti, desideri ditemi, intanto mi preparo a un week end freddo, piovoso, sicuramente qualche piatto lo sfornerò, vedrete prossimamente, buon fine settimana.

 

pizza di polenta con broccoli e castagne

Ingredienti:

700 ml di acqua

1 busta di polenta 125 gr

sale grosso

100 gr di broccoli

2 cucchiai di castagne

60 gr di formaggio (io asiago ma va bene fontina, emmenthal, ecc…)

sale e pepe

 

pizza di polenta con castagne e broccoli

1 Preparate la polenta mettendo a bollire l’acqua, aggiungete il sale grosso, versate mescolando con una frusta poco alla volta la polenta, attenzione a non far formare grumi, mescolate fino a quando non cominceranno a comparire bolle in superficie.

2 Mettete dalla carta forno su una teglia da forno, versatevi la polenta calda distribuendola sull’intera superficie della teglia, lasciatela riposare un quarto d’ora.

3 Accendete il forno a 200 gradi, distribuite sulla polenta i broccoli, le castagne e il formaggio a pezzetti, regolate di sale e pepe.

4 Infornate per circa venti minuti, tempo di fa sciogliere e dorare il formaggio, sformate e servite subito.

Antipasti/ contorni

Strudel con mele speck e asiago

strudel con asiago mele e speck

In questa grigia, piovosa e fredda giornata milanese vi propongo questo strudel che è dir poco squisito, specie se come me amate l’abbinamento dolce/salato, sostanzioso, saporito, diverso dal solito.

La ricetta non è mia  ma di Peppe del  blog Peppe ai fornelli, in occasione del consueto scambio mensile di ricette con altri blogger, ho scelto questa totalmente nelle mie corde, ammetto che ce n’erano parecchie che avrei replicato, specie dei bei piatti di pasta.

Passate a trovare Peppe troverete ricette per tutti i gusti, dai primi ai lievitati passando per i dolci, piatti di pesce, carne, sfizi pugliesi che solo a vederli mi magnerei lo schermo del pc, è sempre bello curiosare su blog amici, scopri ricette a cui non avevi mai pensato, che non conoscevi, abbinamenti nuovi, piatti tipici, oltre che a uno stile, un modo di raccontarsi, di presentare i piatti che ogni volta mi affascina.

Sperando che arrivi la neve, lo so, più o meno siamo in dieci su un milione ad attenderla, vi auguro buona giornata.

La ricetta è la sua senza cambiamenti, io ho solo aggiunto i semi di sesamo -ne ho quantità industriali- sulla superficie, la copio e incollo così come l’ha scritta Peppe.

strudel con speck mele e asiago

Ingredienti

 Pasta tirata (o pasta sfoglia)

  • 150 g di farina “00”
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di aceto bianco
  • 60 -70 ml di acqua tiepida o vino bianco
  • Un pizzico di sale

Ripieno

  • 2 mele golden
  • Una noce di burro
  • 150 g di asiago
  • 150 g di speck
  • 1 cucchiaio di aceto di mele
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • Pepe creola

 strudel di mele con speck e asiago

 

Preparazione

 Versare nella ciotola dell’impastatrice la farina setacciata, l’olio extravergine, il sale, l’uovo, l’aceto bianco e l’acqua tiepida. Lavorare brevemente con il gancio finchè non si forma un impasto liscio e sodo. Spennellare con un filo d’olio extravergine di oliva la superficie e lasciar riposare coperto da una coppa per circa 30 minuti. Se non volete preparare la pasta tirata potete sostituirla con un rotolo di pasta sfoglia già pronta. Nel frattempo sbucciare le mele ed affettarle a spicchi sottili. Riscaldare una padella e far fondere una noce di burro, aggiungere le mele ed un cucchiaino di zucchero e lasciar caramellare leggermente. Versare 1 cucchiaio di aceto di mele e lasciar evaporare subito dopo togliere dal fuoco e lasciar raffreddare. Riprendere l’impasto e stenderlo molto sottile tanto da creare un rettangolo. Farcire disponendo per prima le fette di speck, poi distribuire le mele e per ultimo creare uno strato di asiago a fette cercando di coprire tutte le mele, terminare con una generosa macinata di pepe creola.Arrotolare la pasta tanto da creare un rotolo, sigillare e ripiegare i bordi tanto da evitare che fuoriesca il ripieno durante la cottura. Trasferire il rotolo su di una teglia ricoperta da carta forno, spennellare il rotolo con burro fuso e volendo si possono distribuire sulla superficie dei semi di sesamo. Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 35 minuti e fino a completa doratura. Una volta pronto togliere dal forno e lasciar intiepidire su di una gratella. Successivamente tagliare a fette e servire.

DOLCI

Biscotti ai tre cioccolati

biscotti ai tre cioccolati

Che io ami i biscotti non è una novità, che li ami quasi solo ed esclusivamente homemade o comunque artigianali neppure, che io sia una drogata di cioccolata altro fatto noto, la novità dov’è?

Poca roba ma non avevo mai preparato biscotti con cioccolato al latte, fondente e bianco insieme! Magari vi aspettavate chissà che…la gioia delle piccole scoperte e prove in cucina.

Inutile dire che li adoro, li avevo recentemente preparati altre due volte ma con un solo tipo di cioccolato, ieri mi è presa una gran voglia di un dolcetto ma in formato mini e adatto sia dopo cena che per colazione e ho pensato di provare questi biscotti con tre cioccolati, potrei mangiarli tutti!

Penso che potrebbero diventare uno dei miei possibili regali natalizi, ogni anno ad amici e conoscenti preparo qualcosa realizzato da me, un anno il pesto rosso, poi lemon curd, crema al cioccolato bianco e lavanda, crema alle nocciole, l’anno scorso i pop corn caramellati, caramello salato ecc…..i biscotti ora che ci penso mai, li metto nel carrello delle possibilità.

Venerdì, io spero di dormire tanto domani che questa settimana è stata dura in quel senso, sono davvero molto molto stanca, dicono che verrà freddo tanto freddo, che bello! Si sa che sono donna da freddo. Buon fine settimana.

 

biscotti con tre cioccolati

Ingredienti:

11o gr di burro temperatura ambiente

130 gr di zucchero di canna

1 uovo grande

150 gr di farina

30 gr di cacao

mezzo cucchiaino di bicarbonato

125 gr di cioccolato fondente

250 gr di cioccolato misto bianco, latte, fondente (o gianduia)

 

biscotti con tre tipi di cioccolato

1 Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria (i 125 gr).

2 Nella planetaria o in una ciotola con le fruste sbattete lo zucchero con il burro, montatelo una decina di minuti fino a che non diventa ben spumoso.

3 Aggiungete l’uovo e montate altri tre-quattro minuti.

4 Unite la farina, il cacao, il bicarbonato setacciati e il cioccolato fuso, amalgamate bene.

5 Unite il resto del cioccolato tagliato a scagliette grossolanamente, vanno bene anche pepite, gocce, quadretti, mescolate amalgamando bene gli ingredienti.

6 Accendete il forno a 160 gradi, coprite una teglia da forno con la carta forno, formate delle palline grandi come una noce e distribuitele sulla teglia ben distanziate, in una teglia classica massimo dodici palline, infornate per 12-15 minuti, sfornate e aspettate almeno 15-20 minuti prima di toglierli dalla carta forno, devono asciugarsi.

Con questo impasto a me ne sono venuti 22. Se li fate più piccoli cuocete per 12 minuti.

Lievitati

Focaccia con crema di zucca salsiccia provola affumicata

focaccia con crema di zucca provola affumicata e salsiccia

Un classicone o quanto meno di recente ne ho viste e assaggiate diverse, ottima per cui l’ho replicata, un grande mix di sapori che si sposano alla grande, forse mi è venuta un po’ alta ma perchè non avevo la teglia rettangolare e usando la tonda ne avevo meno da distribuire.

Metà novembre, ridendo e scherzando, si fa per dire…un mese e praticamente è Natale e confesso, non sono psicologicamente pronta. Io che ogni anno vi comincio a parlare di Natale con anticipo, che adoro avere l’albero in casa per due mesi, adoro le lucine, le decorazioni, le luminarie, il clima di festa, ecc…quest’anno no.

Forse perchè il tempo è matto e ancora non fa freddo, forse perchè mi sembra che fino all’altro ieri fosse estate, forse che quest’anno mio fratello non viene e questo cambia parecchio le cose, chissà forse devo ancora entrare nel clima, il tempo c’è ma quest’anno mi sembra di non attenderlo particolarmente.

Vi terrò aggiornati, intanto affrontiamo questa grigissima giornata milanese, sono sveglia dalle 4.30…..

 

focaccia con crema di zucca salsiccia e provola affumicata

Ingredienti:

500 gr di farina manitoba

10 gr di lievito di birra

250 ml di acqua

sale

100 gr di crema di zucca (zucca cotta al vapore e passata al mini pimer)

60 gr di salsiccia

60 gr di provola affumicata

1 Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, nella planetaria versate la farina, aggiungete il sale e a filo l’acqua azionandola a media velocità, una volta formata la pasta impastatela per circa 6-7 minuti, potete rifare tutto a mano su un piano di lavoro. Coprite e fate lievitare per 4 ore circa.

2 Cuocete la salsiccia tagliata a tocchetti e senza buccia in una padella antiaderente senza aggiunta di olio, cuoce in circa 7-8 minuti.

3 Accendete il forno a 220 gradi, ungete una teglia da forno, stendete con le mani la pasta, cospargete la superficie con la crema di zucca, infornate, dopo 20 minuti aggiungete la salsiccia e la provola tagliata a pezzi, cuocete per altri 10 minuti circa, servite calda.

DOLCI

Mud cake alle tre creme

mud cake alle tre creme

Oggi questo blog compie cinque anni, mamma mia!

Sognavo una torta bellissima, me l’ero immaginata, la decorazione, le creme, i dettagli, dove esporla con che sfondo, tutto mi ero immaginata e invece….

Quando l’ho realizzata è successo di tutto, lo stampo che mi serviva era da mia mamma, quello che ho dovuto utilizzare non andava bene, ho dovuto creare la versione mini quindi addio precisione, mentre preparavo la crema è suonato il campanello quasi si brucia il cioccolato.

Mentre la guarnivo un urlo in strada per cui una seconda crema mi è caduta, pavimento da lavare, crema da rifare, metà della frutta presa era spappolata, la stabilità dei tre strati messa a dura prova, nel mentre ha iniziato a diluviare sono calate le tenebre.

Una delle due mini mud mi è caduta sul tavolo, preparare la seconda, metto le candele la cera inizia a colare alla velocità della luce e infatti potete ammirarla sullo sfondo del mobile dove in un secondo ho fotografato, insomma alla fine ero stremata.

Avrei potuto non pubblicare ma invece lo faccio comunque, un pezzettino virtuale per ognuno di voi che ha contribuito ad arrivare fin qui con me, cinque anni di prove, successi, fallimenti, incontri, crescita, cambiamenti, belle foto, foto oscene, ricette rifatte all’infinito, altre che dopo una volta va bene così, commenti bellissimi, grandi insegnamenti, tante parole, a seconda della giornata, dell’umore, del clima, del luogo in cui mi trovavo, scoperte, nuovi ingredienti, grandi classici, delusioni, divertimento, tempi lenti, la magia della lievitazione, le colate di cioccolato, il profumo della cipolla che soffrigge, la bellezza della pasta fresca, la lenta cottura di un arrosto.

Grazie grazie grazie grazie grazie, davvero, di cuore, se mi avessero detto che saremmo arrivati fin qui non ci avrei creduto!

Per la torta:

per la mud cake trovate la ricetta qui

é la stessa torta in versione mini e con la frutta.

mud cake alle tre creme

Pesce/ Primi

Strozzapreti con tonno e finocchietto

strozzapreti con tonno pane e finocchietto

Una ricetta che a essere onesti profuma di estate, con il finocchietto, il tonno fresco, avevo entrambi freschi e che fai non ne approfitti? Mettici il pane, un bel aglio, olio e peperoncino come base, per me una pasta eccellente, una signora pasta.

A volte bisogna essere pratici, preparare piatti veloci, diciamo express, quando torno a casa alle 13 passate ho fame e se non ho niente di già cucinato da scaldare opto per piatti così, l’acqua della pasta bolle rapidamente e mentre cuoce in un lampo si mettono in padella gli ingredienti per il condimento.

Una pasta che per me profuma di Sicilia, di pesce fresco, di pasta fatta in casa, di erbe aromatiche, di sole, mare, verde intenso, costi ridicoli per sfamarsi alla grandissima, distese di colline, montagne, spiagge, città barocche, dolci da morire di gioia, gli alberi di limone, le persone sedute sulle sedie in piazza, i colori accesi, zone perfette accanto a zone sfasciate.

Ricordi di una vacanza in terra sicula bellissima.

 

strozzapreti con tonno fresco e finocchietto

 

Ingredienti:

per due persone

250 gr di strozzapreti

1 trancio di pesce da 120 gr

2 cucchiai abbondanti di pangrattato

finocchietto q.b.

3 cucchiai di olio evo

mezzo spicchio di aglio

peperoncino

sale

 

strozzapreti tonno e finocchietto

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, in una padella versate l’olio, aglio schiacciato o se preferite tritato, il peperoncino, lasciate soffriggere un minuto poi unite il pesce tagliato a bocconcini, mescolate regolate di sale, lasciate cuocere 5 minuti.

2 Quando state per scolare la pasta unite il pane, mescolate e un po’ di finocchietto, tenete da parte due cucchiai di acqua di cottura, scolate aggiungete la pasta e l’acqua al condimento, fate saltare un paio di minuti, decorate con finocchietto fresco.

DOLCI

Donuts al cioccolato

donuts al cioccolato

Foto bruttissime, scattate al volo prima che me li sottraessero di mano per divorarli. Una blogger seria non li pubblicherebbe ma io preferisco privarvi di questa delizia.

Non li avevo mai fatti, a dire il vero anche mangiati poche volte, ho visto la ricetta su una rivista e mi sono lanciata senza avere minimamente idea di come dovesse essere l’impasto, che consistenza dovesse avere, ecc….direi buona la prima a giudicare dai commenti.

Un mercoledì che profuma di vacanza, di ponte lungo, di prime serie avvisaglie di autunno per cui un bel caminetto, una bottiglia di vino, il calore del forno mentre cuociono  le caldarroste o un succulento arrosto, fanno piacere così come una coperta sul divano, una tisana bollente prima di dormire.

Io starò a casa, torno da due giorni quasi tre in Umbria molto intensi, con una tappa anche a Roma, il tutto sempre accompagnato da forte vento, nubifragi, pioggia, poche ore di sonno, un viaggio di ritorno allucinante, motivo per cui, complice un meteo previsto non proprio amico, starò a casa, voi che farete di bello? Magari i donuts!

 

donuts al cioccolato

Ingredienti:

per circa 15 donuts

250 gr di farina manotoba

200 gr di farina + quella per stendere l’impasto

150 gr di zucchero a velo

12 gr di lievito di birra

240 ml di latte

60 gr di burro

3  tuorli

30 gr di zucchero

30 gr di cacao

sale

olio di semi

donuts al cioccolato

 

1 Sbriciolate il lievito in una ciotolina, unite un cucchiaino di zucchero e 2 cucchiai di acqua tiepida, mescolate.

2 In una ciotola o nella planetaria versate le due farine, il latte, il burro morbido tagliato a pezzetti, i tuorli, lo zucchero rimasto e il lievito sciolto, unite un pizzico di sale, iniziate a impastare per circa cinque minuti, se non usate la planetaria utilizzate le fruste elettriche. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare 1.30 h.

3 Stendete l’impasto sul piano di lavoro infarinato, altezza 1 cm e mezzo, ricavate con un coppapasta dei dischi, con un coppapasta piccolo create al centro la forma della ciambella, lasciate lievitare altri 40 minuti.

4 Versate abbondante olio in una padella, una volta ben caldo friggete i donuts tre minuti circa per lato, dovranno risultare ben dorati, scolate su un foglio di carta assorbente e lasciateli raffreddare.

5 Preparate la glassa mescolando il cacao, lo zucchero a velo e il latte, immergete le ciambelle nella glassa lasciandola colare su una gratella posta sotto alle ciambelle, lasciate che la glassa risulta ben rappresa sulla ciambella prima di servire.

DOLCI

Sbriciolata di mele amaretti e cioccolato

sbriciolata amaretti mele e cioccolato

Di solito la preparo salata con verdure, formaggio, salumi, ecc…..ho voluto provarla dolce, togliendo la parte solitamente del parmigiano e sostituendola con lo zucchero, parlo di grammi naturalmente.

Potete farcirla come volete, con fette di frutta, frutti rossi, marmellata, miele, frutta secca, cioccolato (scaglie, gocce, quadretti, pepite), amaretti, quello che volete in sostanza, se amate il croccante la adorerete, io che preferisco nettamente questo genere di dolci ai cremosi, la adoro.

Un dolce che si prepara facilmente e che potete servire anche appena sfornato, io a volte lo preparo e ci faccio colazione per cinque sei mattine, resta fragrante, croccante, lo conservo in forno o sotto un copri torte (si chiama così?), per me meglio una torta che biscotti fatti in casa perchè quelli uno tira l’altro e finisce che te ne mangi un quintale come nulla.

Venerdì l’ultimo di ottobre, avete realizzato che fra due mesi è già passato Natale? Fuori pare a tratti ancora estate, follia, è sempre più difficile gustarsi le stagioni, entrare nel clima, pieno autunno e ieri a Milano c’erano 28 gradi, io questo week end vado a Perugia voi che fate? Buon fine settimana.

 

sbriciolata con amaretti mele e cioccolato

 

Ingredienti:

per la pasta:

300 gr farina

150 gr burro freddo + burro per lo stampo

1 uovo

80 gr di zucchero

2 mele piccole

12 amaretti

60 gr di cioccolato

 

sbriciolata alle mele amaretti e cioccolato

 

1 Preparate la pasta lavorando insieme la farina, lo zucchero, il burro tagliato a pezzetti e l’uovo, otterrete un pasta sbriciolosa.

2 Dividete in due la pasta, prendete uno stampo a cerniera diametro 22, ungetelo con il burro, stendete con le mani metà della pasta.

3 Accendete il forno a 180 gradi, sbucciate due mele, tagliatele a fettine, disponetele sulla base della torta, sbriciolate sparsi sulla base gli amaretti e il cioccolato tagliato a scaglie grossolanamente.

4 Prendete il resto della pasta e disponetelo a briciole sulla torta, cercate di coprire l’intera superficie, se resta qualche buco non è un problema, infornate per 45 minuti, sfornate e lasciate intiepidire prima di servire.

Pesce/ Primi

Linguine con baccalà e pomodori secchi

lunguine con pomodori secchi e baccalà

Un piatto che adoro, i pomodori secchi li metterei anche nel caffè, li trovo fantastici nella pasta, nei biscotti, il pesto, tritati con svariati ingredienti, in insalata, nel pane, qua regalano sapore al baccalà pesce che amo, specie fritto.

Un piatto semplice che ho preparato domenica, poca voglia di mettermi ai fornelli, ma voglia di un piatto buono e saporito, questo ha soddisfatto le mie esigenze ed è piatto unico.

L’autunno è arrivato, così di botto, tutto insieme, sabato la gente girava in maglietta, alcuni senza calze, c’erano oltre venticinque gradi e ora sciarpa, prime botte di riscaldamento, aria frizzantina la mattina, una bella coperta è indispensabile, tanta voglia di minestra, te caldo, una colazione che sazia, il profumo delle caldarroste, che dire? Finalmente!

E poi diciamolo, mancano due mesi a Natale! E con questo vi saluto perchè qualcuno non avrà apprezzato questa dichiarazione.

 

linguine con pomodori secchi e con baccalà

Ingredienti:

per due persone

180 gr di lunguine

200 gr di baccalà (già pulito, già dissalato)

60 gr di pomodori secchi

peperoncino

mezzo spicchio di aglio

olio evo

sale

 

linguine con baccalà e pomodorini secchi

 

1 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, nel mentre in una padella versate due tre cucchiai di olio, lasciate che si scaldi un attimo poi unite il peperoncino fresco o in polvere, l’aglio tritato o intero, lasciate soffriggere un minuto poi unite i pomodori secchi precedentemente tagliati a listarelle.

2 Mescolate, regolate di sale, dopo qualche minuto unite il baccalà, lasciate cuocere cinque/dieci minuti, vedrete che il pesce si romperà, girate di tanto in tanto per evitare che si attacchi.

3 Scolate la pasta e fatela saltare un paio di minuti nel condimento, servite  subito.

 

linguine con baccalà e pomodori secchi

CONSIGLIA Linguine con gamberoni e cognac