Browsing Tag:

Colazioni e merende

DOLCI

Galette con pesche albicocche e rosmarino

galette con albicocche pesche e rosmarino

Da tempo vedo questa ricetta girare in rete e sui blog, mi ispirava il fatto che il ripieno fosse semplicemente frutta, poco altro, un dolce senza tante lavorazioni, esteticamente rustico, semplice, volutamente casereccio con la pasta irregolare, non è la crostata ben rifinita, con i bordi perfetti.

La pasta una sorta di brisee che ho voluto preparare con la  farina di grano saraceno che mi piace molto e che essendo in montagna ci calza a pennello, ho aggiunto il tocco del rosmarino perchè l’avevo già provato nei dolci e ci sta di incanto.

Un dolce che consiglio se volete un dessert ma senza uova, creme, panna, poco zucchero, giusto il burro della pasta, un dolce che ha tanta tanta frutta, che si prepara in fretta e secondo me piace a tutti, sfruttiamo la frutta di stagione bella succosa.

Siamo a metà luglio, mamma mia come vola il tempo, nel week end che fate, io ancora montagna ma lunedì si torna a Milano.

 

galette con èesche albicocche e rosmarino

Ingredienti:

200 gr di farina

100 gr di farina di grano saraceno

200 gr di burro

acqua ghiacciata q..b.

1 cucchiaio di zucchero di canna

1/2 cucchiaino di sale grosso

1 noce abbondante di burro

5 albicocche

5 pesche tabacchiere

2 cucchiai di zucchero di canna

rosmarino 4-5 rametti

1 Preparate la pasta lavorando le farine, il burro, lo zucchero, il sale grosso, aggiungete l’acqua poco alla volta fino a che non otterrete un composto compatto, omogeneo, mettete in frigorifero per una mezzora.

2 Lavate la frutta, eliminate i noccioli, le pesche se volete sbucciatele (io no), in una padella ampia antiaderente mettete il burro a fiamma media, fate sciogliere aggiungete la frutta tagliata a pezzi grossolanamente, il rosmarino e i cucchiai di zucchero, mescolate e fate cuocere per circa quindici minuti, spegnete, lasciate intiepidire.

3 Con un mattarello stendete la pasta su un foglio di carta forno, adagiatela nella tortiera, farcite con la frutta ben distribuita, ripiegate i bordi sulla torta così come sono in modo irregolare, la mia è spessa perchè mi piace alta, potete stenderla più sottile in quel caso vi avanzerà della pasta, questa tortiera è diametro 24.

4 Infornate in forno già caldo a 200 gradi per 40 minuti, i bordi dovranno apparire dorati. Spegnete e lasciate intiepidire prima di servire.

DOLCI

Pancake alle ciliegie

pancake con ciliegie a pezzetti

Una vita che non facevo i pancake, sul blog ne trovate di diversi tipi al grano saraceno, con mele e cannella, alla frutta speziata, al cacao, con le nocciole e more, ai pistacchi e anche diverse versioni salate di cui a memoria ricordo alle zucchine, con pancetta e cipolle.

Diciamo che sono comodi, veloci da fare anche al momento, molto versatili, puoi metterci frutta fresca, secca, spezie, cioccolato, mangiarli da soli o con marmellata, miele, yogurt ecc…il bello è questo perchè ammetto che si mi piacciono ma non mi fanno sognare.

Ho pensato alle ciliegie perchè ne ho tante buone, succose, dolci al punto giusto e poi adoro la frutta estiva, venerdì di sole ma di fresco, temperatura ideale per prepararsi al week end, io ancora non so bene cosa fare ma ho realizzato questa mattina che siamo già a metà giugno, aiuto!

Quindici giorni e questo anno sarà trascorso per metà del tempo, mi sembra ieri che pensavo quando arriverà l’estate (non che io la ami troppo, o meglio si ma se non sono a Milano) e praticamente ci siamo o almeno giugno per me è sempre stata estate, bando alle banalità voi che fate nel fine settimana? Buon week end!

 

pancake con ciliegie

 

Ingredienti:

per circa 8 pancake grandi

200 gr di farina

200 ml di latte

1 uovo

100 gr di zucchero

mezza bustina di lievito

10/12 ciliegie

burro

 

pancake alle ciliegie

1 Lavate e pulite le ciliegie, tagliatele a pezzettini grossolani.

2 In una ciotola sbattete tutti gli ingredienti, mescolate con una frusta, aggiungete le ciliegie.

3 Prendete una padella antiaderente, ungetela con il burro, mettetela a scaldare, dopo un minuto versate poco più della metà di un mestolo, lasciate cuocere un paio di minuti, vedrete comparire sulla superficie le bollicine, aiutandovi con una spatola girate il pancake e lasciate cuocere un altro minuto, proseguite nello stesso modo fino al termine della pastella, gustate caldi, tiepidi, come preferite.

DOLCI

Palline al cocco

palline al cocco

Sarò di poche parole perchè come già detto qua o sui social, non ricordo, ho un fastidio alla schiena per cui se sto seduta sento male, motivo per cui cerco di starci il meno possibile e alzarmi spesso.

Non c’è molto da dire su questi biscotti o palline chiamateli come preferite, se amate il cocco vi rapiranno solo a guardarli, pochi ingredienti, dieci minuti scarsi per realizzarli, cottura altrettanto rapida e poi sono pronti per essere gustati.

Io e il cocco un rapporto un po’ strambo, per esempio  amo il latte di cocco nella carne, nelle zuppe, con il pesce, meno da bere, il cocco da mangiare come frutto non mi dice nulla, rapè come in questi biscotti lo trovo troppo dolce, insomma dipende molto dalla preparazione.

Qua giornata incerta, potrebbe piovere come uscire il ssole, stanotte temporale, stiamo a vedere, intanto buona giornata!

biscotti al cocco

Ingredienti:

150 gr di zucchero

40 gr di farina

230 gr di cocco rapè (farina di cocco)

3 uova

zucchero a velo

 

palline cocco e zucchero a velo

 

1 Mettete in una ciotola le uova, unite il cocco rapè, amalgamate.

2 Unite la farina e lo zucchero, amalgamate, con le mani più semplice.

3 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda formate delle palline grandi come una noce, la consistenza deve essere bella compatta.

4 Distribuite le palline su una teglia coperta di carta forno, infornate per circa 12/15 minuti, sfornate, lasciate raffreddare.

5 Mettete in un piatto dello zucchero a velo fateci rotolare le palline, sono pronte per l’assaggio.

DOLCI

Bundt cake ricotta pere e cioccolato

bundt cake cioccolato ricotta pere

Questo è uno di quei post difficili, molto difficili, vorresti dire tante cose, dirle bene, senza emozionarti ma come si fa….e allora scrivi, come viene viene senza pensare a una scaletta, a cosa dire e cosa non sai dire bene.

Una ricetta speciale e stavolta non perchè è al cioccolato (anche) che sapete essere per me sacro, speciale perchè appartiene a un libro che è un piccolo capolavoro, uno scrigno di bellezza, poesia, atmosfera, un concentrato di casa, profumi, colori, sapori, dettagli.

La ricetta la trovate sul libro Pancetta Bistrot – ricette per tutte le ore, acquistarlo non è un consiglio è un obbligo perchè parliamo di pagine splendide, genuine, autentiche, non solo per le ricette belle, varie, caserecce o più particolari, grandi classici o sfiziosità, è tutto il libro a essere fantastico.

Ho il privilegio, l’onore, il piacere immenso di conoscere le autrici, di poter dire che sono mie amiche, proprio per questo posso dirvi che è un gioiello, molto più di un libro di ricette, è un entrare nel loro mondo fatto di bellezza, dettagli curati, oggetti del cuore, luoghi magici.

Sono i dettagli che catturano, una luce che illumina in un certo modo una parete con un vaso di fiori come sfondo, un campo di grano immortalato con i colori caldi che solo il tramonto sa regalare, una parete scrostata che non fa pensare al degrado, all’incuria ma alla storia che porta con se’, a cosa si nasconde dietro ai ciottoli.

Sono i fiori che non mancano mai che si tratti di tenerli in mano come un mazzo ricevuto in regalo o ad abbellire un tavolo, un vaso, un cesto, un libro che racconta una storia importante, un pontile sul lago che fa subito gita, relax, spensieratezza.

Il profumo e il gesto unico delle tagliatelle fatte in casa, una vetrata che è uno sguardo verso l’orizzonte, la natura elemento che io amo sempre e comunque, da loro immortalata in giardino, nei colori caldi dell’autunno, nei frutti raccolti dall’albero, le balle di fieno, le spighe di grano.

Potrei andare avanti ore…..sapete qual è la vera bellezza di questo libro? Il suo essere speciale? La sua semplicità, spesso le cose semplici sono quelle che regalano calore, profumo di casa, senso di appartenenza, poesia, accoglienza, la vera bellezza è sentirsi vicini, accanto, se fosse così bello da intimorire, sembrare irraggiungibile, sembrare un mondo a parte, si sarebbe bello ma meno autentico.

 

bundt cake pere cioccolato e ricotta

 

Ingredienti:

320 gr di pere già pulite

200 gr di farina

180 gr di ricotta mista fresca

150 gr di zucchero di canna chiaro

65 gr di burro fuso

40 ml di latte

40 gr di gocce di cioccolato

9 gr di lievito per dolci

2 uova

1/2 limone

150 gr di cioccolato gianduia

 

bundt cake ricotta pere e cioccolato

 

1 Tagliate a tocchetti le pere già pulite, mettetele in una ciotola e irroratele con il succo di limone e un paio di  cucchiai di zucchero presi dal totale.

2 Nella planetaria o in una ciotola con uno sbattitore montate le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso, dovete duplicare il volume.

3 In un’altra ciotola setacciate la farina con il lievito.

4 Ammorbidite la ricotta con un cucchiaio e unitela al composto di uova poco alla volta, una volta amalgamata inserite la farina poco alla volta.

5 Unite poi il latte, il burro fuso non caldo, amalgamate e unite le gocce di cioccolato, mescolate e poi aggiungete le pere, amalgamate.

6 Imburrate e infarinate uno stampo, versate il composto, infornate in forno già caldo a 180 gradi per circa 40 minuti, verificate che sia ben cotto con lo stuzzicadenti, sfornate e lasciate raffreddare.

7 Adagiate il dolce su un piatto da portata sfornandolo delicatamente, ricopritelo con il cioccolato fuso.

 

ciambella ricotta pere e cioccolato

DOLCI

Torta di pane frutta amaretti e cioccolato

torta di pane con frutta amaretti e cioccolato

Quelle belle torte svuota frigo o finisci avanzi, quelle torte tanto semplici che le rifaresti ogni giorno perchè sono anche buonissime, caserecce, rustiche, magari esteticamente non splendide ma il sapore è proprio quello di casa, di famigliare.

Peraltro una di quelle torte inventate al momento che potete inventarvi anche voi, con altra frutta, con frutta secca, con del cocco, con farina di mandorle, nocciole o pistacchi al posto degli amaretti, con altro cioccolato, miele, yogurt, davvero potete sbizzarrirvi.

Oggi giornata impegnativa, devo realizzare due ricette con foto passo passo, non sono a casa mia quindi mi muovo con meno rapidità e organizzazione, altri due tre lavori da fare e poi aperitivo con un’amica con cui sto facendo il corso da sommelier, direi nell’insieme non male.

Vi auguro buona giornata!

 

torta con amaretti frutta pane e ciocolato

 

Ingredienti:

250 gr di pane rafferno

450 ml di latte

150 gr di cioccolato gianduia

100 gr di amaretti

1 mela

1 pera

80 gr di zucchero di canna

2 uova

 

torta al cioccolato amaretti frutta e pena

 

1 Mettete il pane ad ammollare nel latte per almeno mezzora, strizzatelo.

2 Nella stessa ciotola unite gli amaretti tritati finemente (come fossero farina), cento gr di cioccolato tagliato a pezzetti grossolanamente, la pera e la mela sbucciate e tagliate a pezzetti, le uova e lo zucchero, amalgamate fino a ottenere un composto omogeneo.

3 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda imburrate uno stampo a cerniera, io diametro  22, disponete il composto livellando la superficie, casualmente disponete sulla superficie il restante cioccolato, infornate per circa 35 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

DOLCI

Torta ai cookies e fragole

torta cookies alle fragole

Un dolce di una facilità estrema ma davvero a prova di imbranato, di solito si farcisce con la Nutella per renderla goduriosa al 100% io ho optato per le fragole.

Non avevo idea ma si viene a formare una cremina deliziosa dentro che sembra quasi una specie di gelatina, trovo che si sposi benissimo con l’effetto cookies un po’ soffice ma anche croccantini specie sui bordi.

Anche oggi giornata grigia, ieri sera tanta tanta pioggia, ormai tutti i giorni, dal colore del cielo in questo momento penso che dopo pioverà ancora, io tornerei a dormire subito pur avendo dormito questa notte.

Va be’ vi saluto e non proseguo in quello che sta diventando un ritratto annoiato di una casalinga disperata! Buon week end!

 

torta ai biscotti cookies alle fragole

 

Ingredienti:

230 gr di farina

150 gr di zucchero di canna

1 uovo 130 gr di burro a temperatura ambiente

150 gr di gocce di cioccolato

1 cucchiaino di lievito

6-7 fragole

1 In una ciotola impasta tutti gli ingredienti a parte le fragole, otterrete rapidamente una composto omogeneo e compatto.

2 Lavate le fragole, asciugatele e tagliate e fettine sottili.

3 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate una tortiera (io diametro 22), stendete metà del composto cookies in modo grossolano coprendo l’intera superficie.

4 Distribuite sulla superficie le fettine di fragole, coprire con la restante pasta chiudendo bene i bordi, non importa se la superficie non è liscia, è una torta che si presenta rustica, casereccia, infornate per 25-30 minuti, lasciate raffreddare poi sfornate e servite, si conserva fuori dal frigorifero.

DOLCI

Torta alle mandorle carote e grano saraceno

tortaalle mandorle con carote e grano saraceno

Giornata di pioggia uguale torta, forse perchè quando piove la voglia di uscire è poca e si sta bene a casa, con i piedi asciutti, una tazza di te, un maglione, perchè sarà anche aprile ma l’aria ancora è fredda.

Un dolce che mi piace particolarmente perchè semplice, con un sapore definito, deciso ma delicato allo stesso tempo, con la farina di grano saraceno che adoro, le carote e le mandorle che insieme si sposano perfettamente.

Decoratela come volete, potete servirla così o con panna, aprirla e farcirla con marmellata e panna, con crema, con cioccolato, oppure con sola frutta, potete ricoprirla con una granella di mandorle, pasta di zucchero e carotine, veramente sono tante le varianti che potete scegliere.

Aprile dolce dormire, ecco esatto, tornerei a letto subito e invece è una settimana molto molto piena e devo fare seimila cose, sveglia presto, giornate piene, a letto presto distrutta.

Vi auguro una buona giornata.

 

torta al grano saraceno con mandorle e carote

 

Ingredienti:

200 gr di carote

120 gr di farina 00

80 gr di farina di grano saraceno

50 gr di amido di mais

100 gr di mandorle

200 gr di zucchero

3 uova

125 gr di burro + per imburrare

un pizzico di sale

200 ml panna fresca

50 gr di zucchero

lamelle di mandorle

 

torta con carote mandorle al grano saraceno

 

1 Sciogliete il burro delicatamente.

2 Tritate finemente le mandorle, tipo farina.

3 Sbattete le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso, unite il burro e il pizzico di sale, mescolate.

4 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda setacciate le farine e l’amido, uniteli poco alla volta alle uova, amalgamate.

5 Unite le carote precedentemente grattugiate, mescolate.

6 Imburrate una pirofilia o tortiera con cerniera, versate il composto, livellate la superficie, infornate per 40 minuti, lasciate raffreddare.

7 In una ciotola raffreddata in frigorifero montate la panna con lo zucchero, non deve essere per forza fermissima, con una spatola distribuitela sulla superficie della torta e coprite con le lamelle di mandorle.

 

torta al grano saraceno con carote e mandorle

DOLCI

Ciambella alla panna e cacao glassata

ciambella alla panna e al cacao glassata

Le blogger serie vi stanno fornendo ricette utili e sfiziose per la tavola di Pasqua, io a parte Natale che amo particolarmente, non riesco mai a stare dietro alle preparazioni e proposte a tema per le feste, che sia Pasqua, Carnevale, la festa della donna ecc…

Diciamo che vi offro una validissima proposta per la colazione o merenda dei prossimi giorni di festa, la ricetta e’ di Cinzia del blog Il Forno Incantato, una vera maestra, troverete tante tante ricette sfiziose e ben spiegate.

Avevo della panna da finire, un fondino di cacao, cercavo un dolce semplice, da colazione, niente di impegnativo e la sua è la prima ricetta che ho trovato, se le trovo utilizzo sempre ricette di amiche blogger piuttosto che di siti più o meno importanti.

Voi a Pasqua che fate? Io montagna dove non è previsto un tempo idilliaco ma tanto devo lavorare un po’, speriamo ci scappi comunque qualche passeggiata e un po’ di aria fresca da respirare a pieni polmoni, ovunque voi siate tanti auguri e Buona Pasqua!

Ingredienti:

4 uova

200 gr di zucchero

190 gr di farina

mezzo cucchiaino di bicarbonato

12 gr di lievito per dolci

15 gr di cacao amaro

170 gr di cioccolato fondente

250 ml di panna fresca

150 gr di cioccolato fondente

70 gr di zucchero

120 ml di acqua

 

ciambella con cacao e panna glassata

 

1 Sciogliete il cioccolato tritato grossolanamente o a quadretti insieme alla panna, quando avrete ottenuta una crema liscia e omogenea fate raffreddare.

2 Sbattete le uova con lo zucchero, con una frusta o con lo sbattitore elettrico.

3 Setacciate la farina con il cacao, il lievito e il bicarbonato.

4 Unite la crema al cioccolato al composto di uova, mescolate.

5 Aggiungete la farina mescolate.

6 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda imburrate uno stampo da ciambella, se di silicone non occorre imburrarlo, versate il composto e cuocete per circa 35 minuti, verificate la cottura con uno stuzzicadenti. Fate raffreddare.

7 Preparate la glassa, in un pentolino sciogliete lo zucchero nell’acqua, nel mentre tritate il ciocciolato, quando l’acqua sarà vicino a bollire unite il cioccolato, mescolate finchè non sarà sciolto, dovrà risultare una consistenza fluida e liscia, fate intiepidire una decina di minuti e versate sulla ciambella.

 

DOLCI

Quadrotti al cioccolato glassati

quadrotti al cioccolato fondente glassati

Mamma mia in quel glassati quanto poesia, burro, cioccolato e latte condensato! Da commuoversi.

Una bomba calorica da svenimento, portata a una cena sabato tutti abbiamo fatto il bis, ammetto che i quadrotti non erano enormi e la torta viene grande, quindi si vero che ci sono milioni di calorie ma son ben distribuite, a meno che non ne  mangiate un quarto in una volta siete salvi.

Realizzate mixando un tot di ricette prese da uno dei tanti miei innumerevoli libri sul cioccolato, lo dico? Ne ho 117, ebbene si è proprio amore quello fra me e il cioccolato, amo mangiarlo, provare nuove ricette, conoscerne l’origine, creare o scoprire nuovi abbinamenti, adoro i festival, le creme spalmabili, le praline, tutto di questo meraviglioso ingredienti.

Credo che comunque i lettori assidui l’avessero intuito! Provatela, se siete amanti del fondente vi piacerà molto il contrasto che si crea con il burro salato, la panna acida e il latte condensato.

Buona giornata!

quadrotti al cioccolato glassati

Ingredienti:

250 gr di cioccolato fondente

250 gr di burro salato

200 gr di zucchero di canna

100 ml di acqua

2 uova

120 ml di panna acida

225 gr di farina

50 gr di cacao

per la glassa:

100 gr di cioccolato fondente

180 ml di latte condensato

125 gr di burro salato

 

1 Fate fondere  a bagnomaria il cioccolato, il burro, lo zucchero e l’acqua, quando il composto sarà omogeneo, lasciate intiepidire.

2 Aggiungete le uova e la panna acida, mescolate bene.

3 Accendete il forno 170 gradi, unite la farina e il cacao, amalgamate.

4 Coprite una teglia con un foglio di carta forno, abbondate con la carta che copra bene i bordi della teglia, versate il composto, livellate perchè sia pari, infornate per 50 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

5 Preparate la glassa sciogliendo il burro, il cioccolato e il latte condensato, mescolate e lasciate intiepidire.

6 Spalmate la glassa sulla superficie della torta in modo uniforme, lasciate rassodare poi tagliate a quadrotti.

DOLCI

Pangoccioli

panini al cioccolato

Finalmente la neve è arrivata, contenta? No per nulla.

Ne voglio tanta, almeno una trentina di cm, deve vedersi, restare, coprire tutto il brutto della città, deve essere una festa per gli occhi e per chi vuole mettersi a fare pupazzi, non sta leggere spolverata che sta già sparendo, che quasi non si vede e diventa mista pioggerellina.

Non ci conto ma se arriva sono felicissima.

In compenso il freddo c’è, eccome se c’è, motivo in più per concedersi colazioni e merende corpose, cioccolatose  e di sostanza, i pangoccioli sono un classicone, sul web ne trovate centinaia di versione, la mia è quella di Simona del blog Tavolartegusto.

Se la seguite sapete che è una garanzia, con lei non si sbaglia mai, ho fatto diverse sue ricette e sono sempre venute perfette, se non la conoscete è giunto il momento di farlo.

Devo fare mille cose per cui scappo, buona gelida giornata a tutti.

La ricetta copio fedelmente la sua perchè l’ho seguita passo passo senza apportare alcuna modifica.

 

panini con gocce di cioccolato

 

Quantità per 25 pangoccioli circa
  • 280 gr di farina manitoba
  • 280 gr di farina’00
  • 130 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 130 gr di latte intero fresco a temperatura ambiente
  • 10 gr di lievito di birra fresco (oppure 3 gr di lievito secco)
  • 1 uovo grande
  • 120 gr di zucchero (vanno a bene anche 100 gr)
  • 50 gr di burro morbido
  • 9 gr di sale
  • 125 gr di gocce di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaino abbondate di miele millefiori
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia

Per pennellare:

  • 1 tuorlo
  • 1 cucchiaio di latte

 

paninetti al cioccolato

 In una tazzina mescolate il miele con la vaniglia, girate, coprite con la pellicola e lasciate in marinatura almeno 6 h prima di utilizzarlo. (Questo infuso profumerà al meglio l’impasto) ormai è una tecnica collaudata che utilizzo sempre per aromatizzare la pasta brioche

Quando state per iniziare la preparazione, ponete le gocce di cioccolato in una ciotola, coprite con una pellicola e lasciate in freezer fino all’ utilizzo.

 Pre impasto:

Mescolate con l’aiuto delle fruste elettriche o di una planetaria: 95 gr di farina (presa dal totale in cui avrete già miscelato le farine) 100 gr di  acqua e latte miscelati, presi dal totale e il lievito a temperatura ambiente, fino a formare una cremina.

 Coprite con una pellicola a contatto e lasciate lievitare per circa 30′ – 40′ in un luogo asciutto e privo di correnti d’aria (Io prediligo il forno spento acceso da poco a 50° ) fino al raddoppio.

 Aggiungete al pre impasto appena lievitato, le farine restanti , lo zucchero, l’acqua e il latte restante.

 Mescolate con la frusta K della planetaria a velocità basso – media fino ad ottenere un impasto omogeneo che si aggrappa alla foglia. Aggiungete il miele e la vaniglia.

Azionate di nuovo la planetaria (o impastatrice) e aggiungete l’uovo, lasciate amalgamare completamente. L’impasto inizierà a staccarsi dalle pareti dalla macchina ma risulterà ancora ancora poco legato, aggiungete il burro morbidissimo a piccoli pezzetti.

aggiungete il prossimo pezzetto di burro solo quando il precedente si è completamente assorbito.

Di tanto in tanto staccate l’impasto dal gancio, rovesciate l’impasto e pirlatelo, portando verso il basso la pasta in eccesso e lisciando quindi la superficie del vostro panetto.

Ripetete quest’operazione più volte, alternando il burro fino a quando l’impasto non risulterà gonfio, liscio e incordato (che si tira ma non si spezza)

Aggiungete il sale. Procedete quindi ad ultimare l’incordatura e aggiungete le gocce di cioccolato.

Cambiate frusta ed utilizzate l’uncino a velocità bassa, amalgamate pochi secondi.

Tirate fuori l’impasto dalla planetaria e ponetelo su un piano di lavoro ( meglio marmo o cmq freddo) Procedete ad inglobare  le gocce all’interno dell’impasto e contemporaneamente a pirlarlo direttamente sul  piano di lavoro:

con la parte bassa dei palmi delle mani, portate l’ impasto verso il vostro ventre ( movimento 1), girate poco  rotenando l’impasto ( movimento 2), riprendete poi a portarlo in avanti, verso il vostro ventre.

Ripetete l’operazione un paio di volte, piano piano vedrete che il vostro panetto diventerà liscio e le gocce verranno incordate da un budello d’impasto sottile.

Imburrate poco una ciotola (io quella della planetaria, perchè è molto capiente).

Coprite con una pellicola e lasciate riposare ad una temperatura di 26 °-  28° ( forno spento acceso da poco a 50°) fino a quando il panetto non avrà triplicato il suo volume (3 h).

Quanto l’impasto è pronto e ben lievitato rovesciatelo su un piano di lavoro delicatamente, direttamente dalla ciotola, senza farlo sgonfiare.

Allargate i lati con la punta delle dita e fate due pieghe, una sull’altra.

Lasciate a temperatura ambiente 30′.

Procedete a fare altre due pieghe.

NON toccate più l’impasto! Da qui, con l’aiuto di un tarocco staccate pezzi di impasto (i futuri panini) di 44- 45 gr ciascuno.

Formazione dei Pangoccioli:

per ottenere un risultato soffice e areato prendete il pezzetto di impasto appena spezzato. Con la tecnica della pirlatura su piano di lavoro (spiegata sopra) realizzate anche i panini: con la parte bassa del palmo della mano portate il pezzetto di impasto verso il vostro ventre, roteatelo poco, ricominciate a portarlo verso il vostro ventre. Ripetete un paio di volte.

La superficie in pochi secondi diventerà liscia e prima di imperfezioni.

Ponete i panini appena realizzati in una teglia, precedentemente foderata di carta da forno a debita distanza gli uni dagli altri.

 Lasciate lievitare a 26°- 28° per circa 2 h – 2 e mezzo fino al raddoppio (i pangoccioli devono risultare belli gonfi). Pennellate con tuorlo e latte a temperatura ambiente.

Cuocete in forno caldo a 180° per 15′ circa a seconda del forno potrebbero cuocere in 16′- 18′ . Dopo 15′ controllate e fate la prova stecchino. La cottura è fondamentale per un prodotto soffice e areato. Sfornate e lasciate raffreddare.

CONSIGLIA Crostata al caffè senza cottura