Browsing Tag:

Creme

DOLCI

Pavlova al cioccolato e frutti rossi

pavlova, dolci al cucchiaio, dolci, cioccolato, dal mondo, crema pasticcera, frutti rossi, frutti di bosco, melograno

pavlova, dolci al cucchiaio, dolci, cioccolato, dal mondo, crema pasticcera, frutti rossi, frutti di bosco, melograno

Ci si può commuovere di fronte a un dolce? Si!!!!

Erano secoli che volevo provare la pavlova, le meringhe in generale, le ho sempre viste come un mostro, un ostacolo terribile, insormontabile, avevo il terrore del discorso del forno, di abbassare le temperature, farle asciugare ecc….

Poi io son fatta così, decido e faccio, all’improvviso, senza troppo pensarci, ho preso gli ingredienti ed ecco il risultato, ricetta delle mitiche Pancetta Bistrot  fra le mie blogger del cuore.

Se non lo conoscete correte a curiosare il loro blog, c’è tutto: atmosfera, ironia, bellezza, leggerezza, tanti set sempre diversi, scrivono benissimo, fanno foto splendide ma che non incutono timore come a volte capita di vedere, le ricette non sono mai banali e son sempre introdotte in modo simpatico, le storie delle pancette ti coinvolgono sempre.

La ricetta la copio incollo, la loro intendo (voglia di lavorar saltami addosso), del resto ho eseguito tutto in modo fedele senza apportare neppure una minima modifica.

Che aspettate, correte prima dalle pancette e poi a comprare gli ingredienti, con questo dolce a Natale farete un figurone!

pavlova, frutto di bosco, frutti rossi, melograno, cioccolato, dal mondo, dolci al cucchiaio, meringa, crema pasticcera

Ingredienti: (per 3 basi da 20 cm)
160 g di albumi
320 g di zucchero di cui 200 g di semolato e 120 g di zucchero a velo
1 cucchiaino e 1/2 di aceto di vino bianco leggero
3 cucchiai di cacao amaro
50 gr di cioccolato fondente al 70% sminuzzato finemente

Preparazione:

1. Preriscaldate il forno a 180C° .
Montate a neve fermissima gli albumi con un pizzico di sale, aggiungendo poco alla volta gli zuccheri ed infine l’aceto.
2. Aggiungete il cacao setacciato e il cioccolato sminuzzato mescolando con una spatola delicatamente dal basso verso l’alto per non smontare gli albumi.
3. Prendete due teglie  teglie del forno, ricopritele con la carta forno e disegnate due cerchi dal diametro da 20 cm su uno e un cerchio sull’altro. Potrete infornare così le tre meringhe nello stesso momento un piano sopra l’altro.
4.  Abbassate il forno a 150 C° . Disponete la meringa  sulle teglie coperte di carta forno, seguendo i cerchi disegnati con la spatola. L’ultimo cerchio fatelo leggermente più piccolo, sarà più grazioso da porre in cima alla pavlova ?
5. Infornate, dopo 20 minuti, coprite con della carta stagnola per non farle scurire e continuate la cottura per un totale di ca. 1 ora, 1 ora e 10 . Gli ultimi 20 minuti abbassate la temperatura a 125 C° e regolatevi in base al vostro forno. L’esterno sarà croccante e formerà qualche crepa, l’interno invece dovrà essere morbido.
Lasciate raffreddare la Pavlova nel forno spento con lo sportello semichiuso.
 Una volta raffreddata, disponete un cerchio alla base, farcite con la crema pasticcera, mettete un altro strato, altra crema poi l’ultimo strato e guarnite con la frutta

 

pavlova, dolci, dolci al cucchiaio, frutti rossi, frutti di bosco, cioccolato, dal mondo, crema pasticcera

 

 

per la crema pasticcera:

4 tuorli

200 gr di zucchero

60 gr di farina

600 ml di latte

100 gr di cioccolato fondente

Sbattete i tuorli con lo zucchero, nel mentre scaldate 500 ml di latte nel microonde o in un pentolino.

Unite al composto la farina e 100 ml di latte mescolate fino ad avere un composto omogeneo.

Mettete sul fuoco, unite il latte caldo e mescolate fino a che la crema non si addenserà,  una volta pronta spegnete e unite la cioccolato spezzettata grossolanamente, mescolate fino a che non diventerà di un colore omogeneo,  lasciate raffreddare.

125 gr di lamponi

125 gr di mirtilli

melograno

 

pavlova, frutti rossi, frutti di bosco, melograno, meringa, cioccolato, dolci, dolci al cucchiaio, crema pasticcera

 

pavlova, cioccolato, dolci, frutta, frutti di bosco, melograno, crema pasticcera, dolci al cucchiaio, dal mondo

DOLCI

Crostatine di grano saraceno e curd di albicocche

tortine, dolci, grano saraceno, crostatine, frutta, albicocche, curd, creme, piccola pasticceria

tortine, dolci, grano saraceno, crostatine, frutta, albicocche, curd, creme, piccola pasticceria

Probabilmente avrete intuito che adoro la farina di grano saraceno, diverse son le ricette presenti sul blog, nei dolci mi piace particolarmente perchè regala croccantezza e quel sapore deciso ma delicato che si sposa bene con le creme, il cioccolato e altro.

Anche in questo caso il connubio mi è piaciuto parecchio, il curd da solo è molto dolce per i miei gusti ma insieme alla base di frolla si bilanciano bene.

La ricetta del curd è di Elena del blog Saltando in padella, mi ero segnata di provare questa crema ed eccola qua, promossa pieni voti, sul blog di Elena trovate moltissime ricette ottime, sia dolci che salate, ne ho altre che voglio replicare. La ricetta è la sua ma per pigrizia ho eliminato alcuni passaggi.

Il sole è alto ma l’aria fredda, rispetto alla scorsa estate c’è un abisso, ricordo giornate con caldo intenso, anche a sera in maglietta a 1300 m di altitudine, il sole forte che asciugava i panni in tre ore, quest’estate l’aria è proprio frizzantina, a sera un maglione ma anche due e la stufa o il camino accesi son graditi.

Corro a godermi il sole, buona giornata!

crostatine, tortine, dolci, piccola pasticceria, curd, creme, albicocche, frutta, grano saraceno

Ingredienti:

per la frolla

100 gr di farina di grano saraceno

140 gr di farina 00

80 gr di zucchero

1 uovo e 1 tuorlo

125 gr di burro

per il curd:

5 albicocche mature

130 gr di zucchero

2 uova

30 gr di burro

1 cucchiaio di fecola di patate

tortine, grano saraceno, frutta, dolci, albicocche, curd, crema, piccola pasticceria, dolci

1 Preparate la pasta amalgamando tutti gli ingredienti fino a ottenere una pasta liscia e omogenea, mettetela in frigorifero per mezzora.

2 Lavate e asciugate le albicocche, eliminate il nocciolo, tagliatele a pezzetti e frullatele.

3 In una casseruola sbattete le uova con lo zucchero, unite la purea di albicocche, mescolate, unite la fecola e il burro a pezzetti, mettete sul fuoco medio e mescolate fino a che non non si addenserà, lasciate raffreddare.

4 Imburrate gli stampi da crostatine, distribuite la pasta in tutto lo stampo, coprite con un pezzo di carta forno e metteteci dei fagioli secchi o riso, infornate per circa 25 minuti a 200 gradi, forno già caldo.

5 Sfornate, attendete che si raffreddino le crostatine, eliminate i fagioli, la carta forno e gli stampini, farciteli con il curd ormai freddo, decorate a piacere, potete mangiarle subito o mettere in frigo tirandole fuori una mezzora prima di mangiarle.

crema, curd, albicocche, frutta, tortine, piccola pasticceria, grano saraceno

grano saraceno, tortine, piccola pasticceria, curd, creme, frutta, albicocche, dolci

carne

Spiedini di pollo pesche e crema all’aglio

spiedini, carne, pollo, pesche, frutta, crema, aglio

spiedini, carne, pollo, pesche, frutta, crema, aglio

Sono una sperimentatrice, mi piace assaggiare sapori nuovi, ingredienti mai provati o sentiti nominare, creare abbinamenti, combinazioni insolite o azzardate.

Pesche e pollo insieme si sposano perfettamente, la pesca cotta regala quel sapore dolciastro al pollo che mi piace, ho voluto tentare l’abbinamento con la crema all’aglio.

L’aglio lo adoro, crudo soprattutto, poco importa se non regala un alito profumato e si digerisce a fatica, buonissimo, ero certa che la crema mi sarebbe piaciuta.

Sperimentate anche voi, son sicura che tanti rimarranno conquistati e anche che tanti stanno inorridendo sia per l’abbinamento che per la crema, soprattutto per la crema.

Vado a godermi il sole, sole per nulla scontato in questa estate particolare, buona giornata!

spiedini, pollo, carne, pesche, frutta, crema, aglio

Ingredienti:

4 fette di petto di pollo da circa 100 gr ognuna

2 pesche noci

3 spicchi di aglio

2 filetti di acciuga

1 cucchiaio di senape

50 gr di yogurt magro

olio evo

succo mezzo limone

erba cipollina

1 Tagliate il pollo  a strisce non troppo piccole.

2 Lavate la pesca e tagliatela a spicchi.

3 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda formate gli spiedini alternando le strisce di pollo con le fette di pesca, salate e irrorate con un filo d’olio, infornate per 25 minuti circa.

spiedini, carne, pollo, crema, aglio, pesche, frutta

4 Preparate la salsa, sbucciate gli spicchi di aglio, metteteli in un mixer con tutti gli ingredienti, decidete in autonomia quanta erba cipollina, frullate e unite a filo l’olio, smettete di frullare quando avrete ottenuto la consistenza che preferite.

5 Sfornate gli spiedini, serviteli con la salsa sopra o a parte.

spiedini, pollo, carne, pesche, frutta, crema, aglio

DOLCI

Crema alle mandorle e amarene

crema, amarene, frutta secca, mandorle, dolci al cucchiaio, senza lattosio

crema, amarene, frutta secca, mandorle, dolci al cucchiaio, senza lattosio

Tre ingredienti, dieci minuti scarsi per prepararla, una vera delizia per gli amanti delle mandorle il cui sapore emerge in modo spiccato.

Dolci estivi ideali, poco tempo, basso costo, niente lavorazioni complicate, niente forno, la decorate come preferite o la gustate così in tutta la sua essenza.

Io sono più genere dolci come plumcake, torta di amaretti, cioccolato, frolla con farcitura che non dolce cremoso ma quando fa caldo, le energie son poche e il palato richiede freschezza queste creme son geniali nella loro infinita semplicità.

Venerdì alle porte, per tanti preludio al week end, per molti inizio delle tanto attese e sospirate vacanze, godetevele, viaggiate, vedete posti nuovi, se non potete farlo apprezzate nuovamente i “vecchi”. Leggete, leggete tanto, ieri quando parlando dello spostamento del salone del libro da Torino a Milano hanno detto che un italiano su cinque non legge che un libro all’anno e due su cinque non hanno neanche un libro in casa, ci manca poco che svengo.

Sul leggete insisto, neanche un libro all’anno, per me che ne leggo fra i 40 e i 50, è quasi impossibile da comprendere.

Buon week e buon viaggio.

crema, frutta secca, mandorle, amarene, senza lattosio, dolci al cucchiaio

 

Ingredienti:

per 4 bicchierini

500 ml di latte di mandorle

50 gr di fecola di patate e o maizena

50 gr di zucchero

30 gr di mandorle

amarene a piacere

 

crema, amarene, mandorle, dolce al cucchiaio, cremoso, frutta secca, senza lattosio

 

1 In una casseruola di medie dimensioni mescolate lo zucchero e la maizena.

2 Scaldate il latte (non deve bollire), unitelo a filo agli ingredienti secchi, mescolando continuamente, fuoco medio.

3 In cinque minuti scarsi la crema si addenserà, spegnete.

4 Tritate grossolanamente le mandorle, anche con un coltello, distribuitele sul fondo dei bicchieri, distribuite la crema, lasciate raffreddare.

5 Disponete in frigo per almeno 1.30 h, di più meglio, prima di servire distribuite le amarene.

 

crema, amarena, mandorle, frutta secca, dolci al cucchiaio, senza lattosio

 

crema, amarene, senza lattosio, frutta secca, dolce al cucchiaio, mandorle

Creme

Curd di pesche

curd, pesche, creme, frutta

curd, pesche, creme, frutta

Una droga! Avevo visto su una rivista il curd alle nespole, decido di provare, ovviamente non trovo le nespole ma in compenso vedo delle splendide pesche, ed eccolo qua.

Divino, non come il lemon curd che per me resta il meglio del meglio ma questo ci si avvicina, profumato, con un bel colore, fresco e poi amo le pesche.

Sul pane, sui biscotti, per farcire una crostata o arricchire gli strati di una torta, con il cucchiaino, gustatelo come volete, come qualsiasi crema rigorosamente conservata in frigorifero.

Adoro la frutta e la verdura estiva, mi piacciono anche tutte le altre ma vuoi mettere pesche sugose, il melone, le ciliegie quelle belle nere grosse succose, le albicocche, le amarene, e i fagiolini, i cetrioli, i miei amatissimi peperoni che con le melanzane e le cipolle si contendono il mio podio delle verdure.

Per non parlare di pomodori che son buoni sempre, nei mesi estivi campo di panzanella e pappa al pomodoro, goduria pura, costo irrisorio, profumo, sapore, veloci da fare, la panzanella neanche da cuocere, meraviglia.

curd, creme, pesche, frutta, dolci

Ingredienti:

370 gr di pesche al netto degli scarti

80 gr di burro

3 uova

mezzo limone

160 gr di zucchero

curd, pesche, crema, frutta, dolci

1 Sbucciate le pesche, togliete il nocciolo e tagliatele a pezzetti.

2 In una pentolino cuocete per cinque minuti le pesche con un cucchiaio di acqua e il succo di mezzo limone.

3 Frullate le pesche con un mini pimer.

4 Rimettete sul fuoco medio, unite lo zucchero e il burro, mescolate, quando avrete ottenuto un composto omogeneo unite un uovo alla volta sempre mescolando.

curd, pesche, crema, dolci, frutta

5 Cuocete fino a che il curd non si addenserà, circa 8-10 minuti.

curd, pesche, frutta, crema

Antipasti

Cannoli con crema di tonno

cannoli, tonno, crema, pesce, pasta sfoglia, finger food, antipasti, aperitivi

L’antipastino che piace a tutti, i cannoli, dolci o salati, solitamente vanno a ruba un po’ come tutti i finger food, che magari impieghi ore o diversi minuti a preparare e in un istante il vassoio è vuoto (anche le foto fatte in un istante prima dell’assalto).

Se non avete i conetti non disperate, preparate un ripieno un po’ consistente, tipo impasto da polpette, crocchetta, dategli una forma cilindrica e arrotolate la striscia di sfoglia attorno facendola aderire bene, ho provato e vi garantisco che il risultato è garantito e vi evitate di dover imburrare tutti i conetti, parte che ammetto non mi entusiasma.

Il ripieno fate vobis, ho scelto il tonno perchè piace sempre e il mascarpone perchè dovevo finirlo ma va bene tutto, mousse di prosciutto, mortadella, maionese, crema di formaggio e altro, l’importante è che abbiano una consistenza abbastanza densa.

Un lunedì mattina di sole, una notte in cui mi son svegliata trecento volte e ho faticato a prendere sonno, una fatica immane alzarmi dal letto (odio alzarmi dal letto 360 gg all’anno), una tazza di te che non ha sortito l’effetto sperato, cioè devo berne una seconda a breve, mille cose da fare, di cui se mi concentro ne ricordo quattro o cinque non di più, ma confido che durante la giornata mi tornino in  mente.

Insomma qua siamo ancora un po’ addormentate, vi auguro una felice settimana!

cannoli, tonno, crema, pesce, pasta sfoglia, finger food, antipasti, aperitivi

 

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia tonda o rettangolare

2 tuorli

150 gr di tonno

2 cucchiai di mascarpone

peperoncino

sale

crema, tonno, pesce, pasta sfoglia, antipasti, aperitivi, finger food, cannoli

1 Accendete il forno a 200, mentre si scalda tagliate con un coltello la pasta sfoglia a strisce di circa 1 cm e mezzo.

2 Imburrate bene con un pennello i conetti, avvolgete la striscia  attorno al conetto facendo in modo di sovrapporre la pasta.

crema, tonno, pasta sfoglia, pesce, cannoli, finger food, antipasti, aperitivi

3 Distribuite i vostri cannoli su una teglia coperta con la carta forno, sbattete rapidamente due tuorli in una ciotola, con un pennello spennellate i cannoli, salate e infornate per circa 15-20 minuti, sfornate e lasciate intiepidire, se dovete farne altri dopo circa 10 min dovreste riuscire a sfilare il cono senza rompere il cannolo, se non dovete utilizzare ancora i coni lasciate raffreddare prima di sfilarli.

cannoli, finger food, antipasti, aperitivi, tonno, pesce, crema, pasta sfoglia

4 Preparate la crema, sgocciolate bene l’olio, frullatelo e unite il peperoncino e il mascarpone, regolate di sale, dovrete avere una crema omogenea.

5 Aiutandovi con una tasca da pasticcera farcite i cannoncini (va bene anche una siringa, la spara biscotti, il sifone), servite a temperatura ambiente.

tonno, pesce, aperitivi,pasta sfoglia, antipasti, finger food, crema

Creme/ DOLCI

Crostata con crema al limone e pinoli

crostata, colazione, merenda, frutta, limone, frutta secca, pinoli, crema al limone, dolci da credenza, dolci

Un dolce che amo, come tutti i dolci al limone, una torta semplice, profumata, chiamatela della nonna, da credenza o altro, amo il contrasto fra la frolla e la crema, il profumo di limone che si percepisce nettamente e il croccantino dei pinoli.

E’ il genere di torta che potrei mangiare ogni giorno pur essendo cremosa, solitamente preferisco dolci “secchi” non con la crema ma quando crema e frolla si uniscono è il mix perfetto, un tripudio di bontà.

La ricetta l’ho vista sulla rivista Jamie di alcuni mesi fa, letta e modificata, davvero troppi passaggi inutili, penso che in cucina sia fondamentale essere pratici, organizzati e sporcare il meno possibile, per esempio indicavano di preparare la crema in un ciotola, scaldare il latte in un pentolino unirlo alla ciotola e rimettere tutto in un’altra pentola più capiente.

Io ho preparato la base della crema direttamente nella casseruola, scaldato il latte nel microonde in un dosatore e l’ho unito direttamente alla padella per cuocere, anche non avendo il microonde e dovendo quindi scaldare il latte in un pentolino si può saltare il passaggio della ciotola.

Senza contare che la ricetta inizia dicendo preriscaldate il forno a 180 gradi, ma vi pare che preriscaldo il forno prima di aver fatto la frolla e la crema, e lo lascio acceso oltre un’ora anche mentre la frolla è in frigorifero?

Sto sperimentando le ricette passo passo, vediamo se sono di vostro gradimento, se sono utili, i passaggi li fotografo al volo o quanto meno rapidamente nel caso di padelle sul forno, non sempre saranno foto “belle” ma ripeto al momento voglio capire se è interessante per voi poter seguire tutti i passaggi.

La giornata è intensa e sto letteralmente morendo di sonno, prendo un’altra tazza di te e tento di attivarmi. Buona giornata.

crostata, colazione, merenda, frutta, limone, frutta secca, pinoli, crema al limone, dolci da credenza, dolci

Ingredienti:

per frolla

125 gr di burro

80 gr di zucchero

2 tuorli

225 gr di farina

per la crema

4 tuorli

125 gr di zucchero

3 cucchiai di maizena

il succo di due limoni

la scorza di due limoni

500 ml di latte intero

70 gr di pinoli

zucchero a velo

1 Preparate la frolla lavorando insieme tutti gli ingredienti, i tuorli, lo zucchero, la farina e  il burro, lavorate rapidamente fino a ottenere una pasta compatta, fatela riposare in frigorifero per un’ora.

crostata, dolci da credenza, colazione, merenda, frutta, limone, frutta secca, pinoli, crema al limone

2 Nel mentre preparate la crema, in una casseruola sbattete i tuorli con lo zucchero, unite poco alla volta la maizena, mescolate e unite il succo dei limoni e la scorza, dovrete ottenere un composto liquido omogeneo.

3 Scaldate il latte nel microonde o in un pentolino, non deve bollire, unitelo alla basi di crema e cuocete a fuoco moderato fino a che non si addenserà, lasciate intiepidire mescolando di tanto in tanto.

crostata, crema,limone, pinoli, frutta, frutta secca, colazione, merenda, dolci da credenza

4 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate uno stampo a cerniera per torte e distribuitevi la frolla aiutandovi con il mattarello o direttamente con le mani, regolate bene i bordi, versate la crema, livellate la superficie perchè sia pari, distribuite i pinoli su tutta la torta, infornate per 30-40 minuti.

crostata, dolci da credenza, dolci, limone, frutta, frutta secca, pinoli, crema, crema al limone

5 Sfornate, lasciate intiepidire, aprite lo stampo, prima di servirla cospargetela di zucchero a velo.

dolci, dolci da credenza, colazione, merenda, frutta, limone, pinoli, frutta secca, crema, crema al limone

Creme/ DOLCI

Crema di Speculoos

crema, biscotti, speculoos, dolce, colazione, merenda

Il mio amore per gli speculoos è noto, ora che li ho trovati anche a Milano non me ne separo più, i biscotti per mangiarli, la polvere (i biscotti tritati) per creme, dolci, fondi di torte, divini!

La ricetta è di Chiara del blog La cucina dello Stivale, ne avevo altre ma non mi convincevano del tutto mentre ho già provato diverse ricette di Chiara trovandole sempre ottime e di sicura realizzazione, passate da lei, troverete un po’ di tutto, primi, dolci, lievitati, idee per il pranzo in uffici, dolci americani.

Se dico Speculoos penso subito al Belgio e in particolare a Bruges, cittadina dove son stata più volte amandola ogni volta sempre più, ripromettendomi sempre di tornarci.

Gli innumerevoli negozi di cioccolato, Bruges è famosa per questo, una piccola cittadina dove ci sono quasi un centinaio di negozi che vendono solo ed esclusivamente cioccolato; si potrebbe pensare che son tutti uguali, che in fondo essendo il tema sempre lo stesso al quarto hai visto tutto, errore!

Belli, tutti diversi, negozi super moderni con giochi, app sul tema, botteghe antiche con dentro mille scatoline splendide, confezioni regalo uniche, praline di tutti i tipi colori, forme, gusti, ho assaggiato un cioccolato con tre strati basilico, pomodori e pesto, squisito! Lo guardavo ovviamente con scetticismo, con aria critica e anche perplessa, perchè inventare un cioccolato simile?

Pasticcini, tortine, ampia scelta di cioccolati, quando dico ampia intendo cento e oltre di cioccolato fondente, altrettanti di cioccolato fondente con nocciole, violetta, ginger ecc…lo stesso per quello al latte, bianco, gianduia; sculture di ogni forma e grandezza, tartufi, cascate di cioccolato, in alcuni ti preparano la crepes, in altri degusti cioccolato africano o del sud America, in altri abbinamenti con caffè o rum, in un altro ancora assaggi caramelle, lecca lecca, bon bon.

Da perdere la testa, sono entrata in tutti senza stancarmi o trovarli simili proprio perchè non lo sono.

A Bruges andate anche per l’atmosfera tranquilla e rilassante che si respira, si gira bene a piedi, si ammirano le case, i palazzi, i vicoli, gli scorci romantici e suggestivi lungo i canali, i piccoli parchi, mangiate le cozze, le patatine fritte di cui si vantano molto, prendete una cioccolata in uno dei tanti localini ospitali disseminati ovunque.

Voglia di partire….infinita. Buon week end!

crema, biscotti, speculoos, merenda, colazione, dolce

Ingredienti:

175 gr di speculoos

100 ml di latte

50 gr di burro

70 gr di zucchero a velo

 

crema, biscotti, speculoos, merenda, colazione, dolce

 

1 Tritate finemente i biscotti

2 In una casseruola mettete i biscotti e lo zucchero mescolate.

3 Aggiungete il burro e il latte, mettete sul fuoco mescolate fino a che non si addensa.

Durata 10 giorni conservata in barattoli sterilizzati.

 

crema, biscotti, speculoos, dolce, colazione, merenda

DOLCI

Crema al cioccolato

vegan, cioccolato, crema, nocciole, sciroppo d'agave

Troppo, davvero troppo tempo che non postavo una ricetta con il cioccolato, almeno due settimane, era presente in due ricette ma solo come contorno non come protagonista, per me cioccolato dipendente è un buon risultato!

La ricetta non è mia ma di Chiara del blog Cucinando con mia sorella, settimana scorsa era fra le blogger in home page su Ifood, quando posso guardo ogni blog dei sei proposti, entrando nel suo blog ho visto subito questa meraviglia, la lampadina si è accesa all’istante  perchè ho da mesi dello sciroppo d’agave da utilizzare.

L’Avevo comprato per un’altra ricetta che prima o poi preparerò ma essendo presente in dispensa da tempo ho preferito utilizzarlo, quale migliore occasione? Una crema buonissima, al cioccolato, con le nocciole che amo, un ottimo pensiero se volete regalarla per addolcire le colazione e/o merende di amici e parenti durante le feste imminenti.

Passate a trovare Chiara perchè non solo ci son ottime ricette un po’ di tutti i generi tutte molto attraenti ma troverete anche delle foto strepitose, belle ma proprio belle, si sa che una foto bella se inquadra cibo non può far altro che invogliare a mangiarlo, ecco le sue ricette le mangeresti tutte.

La giornata è intensa, non ho praticamente dormito, ho seimila cose da fare, vado a prepararmi la terza tazza di te, buona settimana natalizia!

crema, cioccolato, vegan, sciroppo d'agave,

 

 

La ricetta è quella di Chiara, identica.

Ingredienti:

300 gr di cioccolato al 50% buona qualità

100 gr di nocciole (io Ventura)

150 ml di sciroppo d’Agave

100 ml di olio di semi

 

vegan, cioccolato, crema, sciroppo d'agave

1 Tostate la nocciole per 5 minuti a 200 gradi, tritatele fino a quando non diventano fini fini, una pasta (attenzione a non far riscaldare troppo altrimenti fuori esce l’olio della nocciola).

2 Fondete il cioccolato a bagno maria e unite lo sciroppo d’agave.

3 Unite le nocciole e l’olio amalgamate tutti gli ingredienti.

La crema si conserva a lungo in un barattolo chiuso ermeticamente.

NOTE: vedete dalle foto che la mia è ancora liquida, prima di mangiarla tenetela in frigo, la mia è così perchè la regalo davvero fra poche ore quindi non ho potuto aspettare per fotografarla cremosa, le nocciole se potete tritatele bene, formate una pasta, io volutamente ho lasciato qualche micro pezzetto perchè chi la riceverà so che preferisce.

vegan, cioccolato, crema, nocciole, sciroppo d'agave

Antipasti/ Creme

Sandwich con crema al Parmigiano

sandwich, crema, finger food, parmigiano, formaggio

sandwich, crema, finger food, parmigiano, formaggio

Fra me e il Parmigiano c’è sempre stato un grande amore, immenso amore, mi piace a dismisura, lasciatemi una forma, meglio se ben stagionata e posso morire di indigestione felice!

Mi piace sempre ma soprattutto nature, un bel pezzo da mordere e stringere fra le mani, goduria!

Sappiamo tutti che in cucina si presta a essere utilizzato in tanti modi, oltre che gustato a pezzi, sulla pasta, nei timballi, sformati, lasagne, nella parmigiana, a scaglie nell’insalata o su un carpaccio di carne, molto carino nelle cialde dolci o salate farcite, indispensabile nel pesto, squisito il gelato e potremmo continuare a lungo.

Oggi una crema. La ricetta non è mia ma di Antonietta. Io e altre blogger ogni mese giochiamo a scambiarci una ricetta, si estraggono i nomi e io preparo quella di un’altra blogger, qualcun’altro prepara la mia, un modo per conoscerci, scoprire altri blog, cucine, ricette, persone.

Quando sono capitata sul blog di Antonietta curiosando qua e là sono incappata in questa crema, appena ho letto Parmigiano ho deciso che sarebbe stata quella la ricetta che avrei replicato ed eccola qua.

Antonietta presenta questa crema con dei bellissimi panini chapati, io per mancanza di tempo e farina ve li propongo in versione sandwich (semplicemente date al pane la forma che volete, lo tostate e farcite), semplicissimi da preparare e più carini da vedere che non semplicemente spalmati sul pane.

Direi che questa crema al Parmigiano rientra a pieno titolo fra le idee utili e squisite da tenere a mente per il menù delle prossime feste, me la immagino per farcire dei tortellini o uno strato del panettone gastronomico, oppure all’interno di un bignè salato o semplicemente da mangiare con il pane. Ovviamente sarebbe anche un bel regalo home made!

Grazie Antonietta della ricetta e se vi va passate a trovarla sul suo blog http://www.azzurratagliaecucina.ifood.it.

pane, sandwich, parmigiano, formaggio, finger food, antipasto

Vi riporto la sua ricetta identica, copiata dal suo blog, lei ha utilizzato il timo io non l’avevo:

Ingredienti:

Parmigiano Reggiano di media stagionatura gr. 50

pere (non troppo acquose) sbucciate gr. 50

mandorle sbucciate gr. 50

1 cucchiaino scarso di miele

1 pizzico di sale e 1 spruzzata di pepe nero

3 gocce di aceto balsamico

timo q.b.

pane, sandwich, parmigiano, formaggio, creme, finger food

 Mettere in ammollo le mandorle per poter togliere la pellicola, asciugarle, metterle in un minimixer assieme al Parmigiano Reggiano e frullarle. Aggiungere le pere tagliate a pezzetti e frullare. Aggiungere il miele, il sale, il pepe, l’aceto balsamico e le erbe aromatiche, a piacere; in questo caso ho usato il timo. Amalgamare bene il tutto e mettere in frigo per una mezz’oretta.

pane, finger food, sandwich, parmigiano, formaggio, creme

CONSIGLIA Hamburger a bassa temperatura