Browsing Tag:

uova

contorni/ Uova

Crocchette con uova sode

crocchette con uova sode patate e tonno

Un piatto speciale! Semplice ma di quelli che ti riempiono, che si preparano con l’acquolina in bocca, che mi ricordano l’infanzia dove tonno patate e uova erano quegli alimenti che per me erano il top, per anni ho sostenuto che il mio cibo preferito fosse il tonno.

E poi diciamocelo ma quanto è bello avvolgere l’uovo con l’impasto, far aderire bene il composto, compattarlo? A me inoltre friggere piace, tante persone detestano l’odore, l’olio che schizza, doverlo smaltire ecc…a me non fa ne’ caldo ne’ freddo, friggerei tutti i giorni.

Mentre mi leggete sarò a Cibus una grossa fiera dell’agroalimentare dove sono presenti oltre tremila azienda nazionali e internazionali, una sorta di paradiso terrestre dove curiosare, assaggiare, chiedere, ascoltare storie, conoscere aziende, assistere a show cooking, respirare le novità, vi racconterò!

 

crocchette con uova sode

 

Ingredienti:

4 uova sode

2 patate medie

1 porro medio

250 gr di tonno

farina q.b.

pangrattato q.b.

2 uova

sale

peperoncino

olio per friggere

 

crocchette con uova sode e patate

 

1 Lessate le patate e fatele raffreddare.

2 Pulite e affettate finemente il porro.

3 Sgocciolate bene il tonno.

4 Prendete una ciotola mettete le patate, il porro, il tonno, il sale e il peperoncino amalgamate fino a ottenere un composto omogeneo.

5 Avvolgete il composto attorno all’uovo facendolo aderire bene, compattandolo attorno.

6 In un piatto disponete il pangrattato, in un altro la farina, in un terzo due uova sbattute.

7 Mettete a scaldare l’olio in una padella antiaderente, nel mentre passate rapidamente le crocchette nella farina poi nelle uova e infine nel pangrattato, fate cuocere per circa cinque minuti girandole di tanto in tanto, la crosticina si formerà subito, scolate su un foglio di carta assorbente, servite calde.

Primi

Cipollata umbra

zuppa di cipolle e pomodoro umbra

Vedo già i volti di alcune amiche che di fronte alla parola cipolle storcono il naso perchè ti rimane l’odore sulle mani, perchè non le digeriscono, perchè le reputano pesanti e invece io le amo.

Questa ricetta è tipica del centro Italia, ho visto sia Umbria che Abruzzo, come per ogni ricetta della tradizione che si rispetti le versioni sono molteplici, cipolle bianche o rosse, con brodo o senza, con lardo o guanciale, ne ho guardate un po’ e ho scelto la mia in base anche a cosa avevo.

Una zuppa corposa, un bel piatto unico invernale, fumante, sostanzioso, dalla lunga cottura, diciamo un po’ diverso dalla solita zuppa o minestra, purtroppo non conosco le origini e la storia di questo piatto ma cercherò informazioni.

E’ bellissimo scoprire le ricette tipiche, spesso si conoscono per ogni regione le più note ma scavando, senza troppa fatica, emergono tantissime ricette particolari, ricche di storia, usanze legate al modo di prepararle, al periodo, agli ingredienti, sono sempre affascinata dai racconti e la storia dei piatti.

Voi la conoscevate questa ricetta? Io l’ho scoperta da una rivista poi ho cercato in rete.

 

minestra di cipolle umbra con pomodoro

 

Ingredienti:

800 gr di cipolle rosse

50 gr di guanciale (fetta)

400 ml di pomodori pelati

2 uova

4 cucchiai di parmigiano grattugiato

olio evo

sale pepe

 

minestra di cipolle e pomodoro umbra

 

1 Affettate a cubetti il guanciale.

2 Sbucciate le cipolle e tagliate a fette mediamente sottili.

3 Prendete una casseruola versate due cucchiai di olio, lasciate scaldare qualche istante poi aggiungete i cubetti di guanciale, lasciate rosolare qualche minuto poi unite le cipolle, mescolate, regolate di sale e pepe, lasciate cuocere per circa una mezzora con coperchio, ogni tanto date un’occhiata e se serve unite un filo di acqua.

4 Dopo una mezzora unite i pomodori precedentemente tagliati a pezzetti, mescolate, unite un bicchiere di acqua calda o brodo vegetale se preferite, fate cuocere un’ora a fuoco lento.

5 Spegnete e fuori dal fuoco unite le uova precedentemente sbattute con il parmigiano, mescolate e servite con delle foglioline di basilico o come me con crostini di pane.

Pesce/ Primi

Tagliolini al nero di seppia con gamberi

tagliolini con i gamberi

Mamma mia che foto scure, effettivamente già il piatto inteso come cibo è nero, mettici che qua si alternano giornate di sole con giornate grigie grigie che alle dieci del mattino dovresti accendere la luce!

E va be’ concentriamoci sul piatto, semplice semplice ma fa sempre la sua figura, la pasta se siete bravi la preparate voi, basta aggiungere al classico impasto per la pasta all’uovo del nero di seppia, quello in bustine del supermercato, il resto un buon sugo di pomodoro con gamberi, un tocco di peperoncino e per me è un signor primo piatto.

Pronti via da oggi il count down natalizio è partito senza se e senza ma, anche i più restii, gli schivi, chi non lo ama, chi lo cancellerebbe e altro, devono arrendersi e mettere in conto da oggi sarà tutto un parlare di cenoni, regali, panettoni, lucine, addobbi, alberi, stelline  e tanto altro!

Qua oggi è prevista neve…chissà speriamo! Buon week end!

 

Ingredienti:

per due persone

230 gr di tagliolini al nero di seppia

150 ml di passata di pomodoro

mezzo spicchio di aglio

olio evo

peperoncino

100 gr di gamberi (i miei grandi argentini anche se sembrano piccoli)

 

tagliolini all'uovo con gamberi

1 Fate il sugo scaldando dell’olio in una padella antiaderente, aggiungete lo spicchio di aglio e il peperoncino, quantità a piacere, unite la passata e fate cuocere per una trentina di minuti almeno, se vi pare acida aggiungete un pizzico di zucchero.

2 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, quando bolle salate, buttate i tagliolini e aggiungete i gamberi al sugo, fate insaporire per una decina di minuti o fino a che la pasta non risulterà pronta, scolate, amalgamate e servita subito.

DOLCI

Crepes con crema al pistacchio

crepes, uova, colazione, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema

crepes, uova, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema, colazione

 

Giornate molto intense, ricche di tante cose, sto lavorando presso una fiera, fuori casa tutto il giorno, tante amiche non di Milano, tante risate, parole, serate, ho una casa che pare abbandonata, il frigorifero ha l’eco quando lo apri, tremila altre cose a cui stare dietro nonostante tutto.

Vi lascio una ricetta semplicissima ma divina se come me amate la crema al pistacchio, la vera crema al pistacchio made in Sicilia, arriva infatti da Catania, gentile pensiero di un’amica blogger, eccezionale, da prendere un cucchiaino e finirla.

Scappo che la giornata è lunga e intensa!

 

crepes, uova, colazione, merenda, pistacchi, frutta secca, crema, uova

 

Ingredienti:

4 uova

250 gr di farina

60 gr di burro + una noce per la padella

500 ml di latte

crema di pistacchi

zucchero a velo

 

crepes, uova, colazione, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema

 

1 Sbattete le uova in una ciotola.

2 Fondete il burro e lasciatelo intiepidire.

3 Aggiungete alle uova la farina poco alla volta alternandola con il latte aggiunto a filo.

4 Unite il burro e mescolate.

5 Ungete una padella antiaderente di burro, lasciatela scaldare bene e versate poco più di metà mestolo di pastella, lasciate cuocere fino a che non compaiono delle bollicine di superficie e i bordi si staccano bene, verificate con una spatola, giratela dall’altra parte e fate cuocere ancora un minuto, proseguite fino al termine della pastella.

6 Farcite le crepes e servite spolverando di zucchero a velo.

 

crepes, uova, colazione, merenda, pistacchi, dolci, frutta secca

 

Lievitati

Panino di segale con cicoria uova e acciughe

panino, uova, cicoria, acciughe, verdure, maionese

panino, uova, cicoria, verdure, acciughe, pesce

E’ cominciata ufficialmente la stagione dei pic nic, delle gite fuori porta, dei pranzi in spiaggia o anche semplicemente in balcone per chi non si può spostare dalla città. Abbiamo tutto per regalarci panini gourmet, dai salumi alle verdure, dalle uova alle salse passando per i formaggi, i legumi, pesce e carne.

Il mio panino di oggi è proprio semplice semplice, pochissimi sforzi, giusto la cottura delle uova, con la cicoria di stagione che personalmente in questa veste mangio senza problemi da sola trovo sia decisamente amara, per me pane di segale perchè ero in montagna dove trionfa questo pane ma ognuno opti per il suo preferito.

Bisogna godersi questi mesi aprile, maggio, magari giugno perchè poi diventa troppo caldo, spesso stare fuori a ora di pranzo diventa complicato, la calura ti uccide mentre i prossimi due mesi sono ideali per stendere una coperta, preparare una bella borsa frigo con succhi, birra fresca, magari un prosecco, un piccolo kit di stoviglie e poi chi più ne ha più ne metta.

Insalate di pasta, frittatine, torte salate, tramezzini, spiedini, cereali, muffin, grissini, salumi, formaggi, taralli, focacce, e mille altre cose senza scordare frutta e dolce.

Buona settimana!

panino, uova, cicoria, verdure, acciughe, pesce, maionese

Ingredienti:

4 panini di segale

4 uova

8 filetti di acciughe

cicoria q.b.

maionese

panino, uova, cicoria, acciughe, maionese, verdure

1 Lessate le uova fatele raffreddare, sgusciatele e tagliate a rondelle.

2 Tagliate il panino a metà, spalmatelo con un cucchiaino di maionese, mettete due tre fogli di cicoria poi due tre fette di uova e due filetti di acciughe, se volete mettete altre due fette di cicoria, chiudete, premete leggermente e proseguite nello stesso modo per gli altri panini.

panino, uova, cicoria, acciughe, pesce, verdure, maionese

panino, uova, cicoria, acciughe, verdure, maionese

 

DOLCI

Meringhe

meringhe, cioccolato, colazione, merenda, dolci, piccola pasticceria

Un titolo che almeno per me è già tutto un programma! Piccole nuvole coperte di cioccolato, dolci, fragranti, ben asciutte, con quella punta che adoro, perfette come dolcetto post pasto, da regalare, da tenere come comfort food nei momenti duri, per decorare un dolce!

La ricetta infallibile della mitica Valentina del blog La ricetta che Vale, chi ha un blog di cucina la conosce sicuramente, la regina dei dolci, del cake design, delle decorazioni, della poesia e del romanticismo, regina di eleganza, bellezza, classe e non solo come per le ricette ma in primo luogo come donna!

Sempre gentile, disponibile, precisa, non ti nega mai un consiglio, una buona parola, gioisce sempre dei successi altrui, non manca mai di sostenerti, di lealtà e poi diciamolo con quel sorriso conquisterebbe chiunque!

Non mi resta che lasciarvi la sua ricetta copiata e incollata precisa identica. Vi auguro un felice week end!

meringhe, cioccolato, colazione, merenda, dolci, piccola pasticceria

MERINGHE ALLA FRANCESE
 
Ingredienti 
per circa 70 meringhe – a seconda della dimensione – 
35 circa se accoppiate e farcite
 
250 g di albumi a temperatura ambiente
(ho usato quelli pastorizzati in vendita al banco frigo del supermercato)
500 g di zucchero semolato tipo Zefiro
(altrimenti, con un frullatore, riducete a grana finissima quello semolato classico)
1 cucchiaino e qualche goccia di succo di limone
(la dose è quella di mezzo cucchiaino ogni 100 g di albume)
meringhe, dolci, piccola pasticceria, colazione, merenda
In una bacinella o direttamente in planetaria iniziate a montare gli albumi insieme al succo di limone, lentamente.
Non aggiungete ancora lo zucchero.
Continuate a media velocità fino a quando non avrete un po’ di schiuma morbida e poi continuate ad alta velocità.
Quando il volume degli albumi sarà aumentato di 4 volte (l’albume ben montato può raggiungere 8 volte il volume iniziale) allora potrete aggiungere lo zucchero: poco alla volta, lentamente e mentre continuate a sbattere.
Continuate fino ad esaurimento dello zucchero e fino ad ottenere un composto sodo, lucido e fermissimo.
Con l’aiuto di una sac à poche munita di bocchetta (io ho usato la 2D della Wilton per ottenere le rose ma potete anche realizzare la classica forma liscia con una bocchetta liscia)
formare le meringhe su una teglia rivestita di carta forno e infornare possibilmente una teglia alla volta (così da non creare eccessiva umidità all’interno del forno) cuocendo a 85°C (teglia a mezza altezza) forno statico con sportello leggermente aperto (basterà interporre un cucchiaio di legno) per permettere all’umidità di uscire, per 3 ore circa *
Se forno ventilato, quest’ultimo passaggio è meno necessario, potete lasciare chiuso lo sportello e aprirlo solo nell’ultima fase di cottura (ultimi minuti).
* Le meringhe devono asciugare e non  cuocere e devono restare bianche senza virare al beige.
Vi consiglio un termometro da forno per conoscere la temperatura reale del vostro forno, sappiamo che molte volte non corrisponde a quella impostata.
Una volta cotte, spegnete il forno e lasciate riposare sempre con sportello socchiuso, magari tutta la notte se le avete preparate in serata.
meringhe, uova, piccola pasticceria, dolci, colazione, merenda, cioccolato
Primi

Crespelle al pomodoro e erbette

uova, crespelle, primi, formaggio, fontina, verdure, erbette, besciamella, pomodoro

Ho preparato milioni di volte le crespelle, mi piacciono molto, son versatili, le mangi dolci o salate e son sempre ottime, si fanno prima anche un paio di giorni, le farcisci e infili in forno, non devi stare a mescolare, controllare che non si attacchino o altro, insomma perfette.

Questa volta ho voluto tingerle, di rosso, con il concentrato, non sapevo bene cosa sarebbe saltato fuori, ho provato e devo dire che l’esperimento è ben riuscito, ammetto che le avrei preferite più rosse ma temevo che troppo concentrato incidesse sul sapore.

Ho intenzione di provare con altri colori, con gli gnocchi l’ho fatto tante volte, viola, arancioni, neri, gialli, verdi, adesso proverò con le crespelle, unico neo che quando metti la besciamella e il parmigiano i colori vengono coperti quasi del tutto e per questo vi ho messo una foto a crudo del piatto, per mostrarveli.

Ho dormito ma è come se non fosse successo, altra tazza di te’ e affrontiamo questo giovedì! Buon week end!

crespelle, uova, primi, formaggio, erbette, pomodoro, verdure, besciamella

Ingredienti:

per 13-14 crespelle (ma la grandezza dipende da quanto le fate sottili e dal diametro della padella)

4 uova

60 gr di burro + per ungere la padella

500 ml di latte

250 gr di farina

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

sale

500 gr di erbette

200 gr di fontina

150 ml di besciamella

parmigiano a piacere

uova, crespelle, primi, formaggio, fontina, verdure, erbette, besciamella, pomodoro

1 Sciogliete il burro dolcemente.

2 In una ciotola sbattete le uova, aggiungente poco alla volta la farina e a filo il latte, mescolate con una frusta.

3 Unite il burro, il concentrato e il sale, dovrete ottenere una pastella mediamente densa.

4 Ungete con il burro una padella antiaderente, fatela scaldare un paio di minuto poi versate trequarti di mestolo di pastella, fate roteare per la padella in modo che venga fuori un tondo uniforme, lasciate cuocere un paio di minuti poi aiutandovi con una spatola cominciate a staccare i bordi, se vengono via bene girate la crespella altrimenti aspettate ancora un attimo per poi girarla, son pronte quando son colorite da entrambi i lati, proseguite fino al termine della pastella.

5 Lessate e strizzate bene le erbette.

6 Tagliate il formaggio a dadini.

7 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda assemblate le crespelle ponendo su un lato di ognuna le erbette, qualche pezzette di formaggio, un cucchiaino di besciamella, richiudete e mettete in una teglia, proseguite fino al termine delle crespelle, cospargete di parmigiano, se volete una spolverate di pepe, infornate per circa 25 minuti, servite subito calde.

crespelle, uova, pomodoro, primi, erbette, verdure, besciamella

Primi

Pad thai con gamberetti

pad thai, dal mondo, gamberetti, erbe aromatiche, noodles, primi, uova

Qua passiamo dallo spezzatino al pad thai, due mondi completamente diversi.

Foto rubate all’ingordigia, fatte in trenta secondi, ho recuperato quelle che si salvano un minimo perchè sia mai che lo mangio freddo, troppo buono per non condividerlo con voi.

Ricetta ripresa in toto ed eseguita alla lettera di Vatinee la regine delle ricette thai.

Se amate il genere, la cucina orientale, i noodles non potrete non amare questo piatto, una volta trovati gli ingredienti in poco tempo realizzerete questo piatto che ovviamente si può preparare con alcune varianti, vedi aggiunta di verdure, altro pesce, carne.

Scappo, fra poche ore volo a Lisbona e ho seimila cose da fare, buon week end!

pad thai, dal mondo, gamberetti, erbe aromatiche, noodles, primi, uova

Ingredienti:

per due persone

200 gr di noodles

200 gr di gamberetti

2 cucchiai di olio di semi

2 spicchi di aglio

2 uova

erba cipollina

3 cucchiai di salsa di pesce

3 cucchiai di salsa pad thai

1-2 cucchiaini di zucchero (o 1 cucchiaio)

sale

1 lime

coriandolo

pad thai, uova, noodles, erbe, dal mondo, primi

1 Come prima cosa leggete bene le istruzioni sulla confezione dei noodles, alcuni vanno ammollati 15 minuti, altri cotti per tre minuti in acqua calda ecc…

2 Marinate i gamberetti con 1 cucchiaio di salsa di pesce per 10 minuti.

3 In una padella antiaderente o nel wok scaldate l’olio e soffriggete l’aglio con l’erba cipollina precedentemente lavata e tagliate fine fine, unite i gamberetti e 1 cucchiaio di salsa di pesce, cuocete per una due  minuti. Togliete i gamberetti  e metteteli da parte.

4 Aggiungete i noodles nella padella, poi rompete le uova, mescolate, unite la salsa pad thai, lo zucchero, il cucchiaio restante di salsa di pesce, amalgamate e cuocete bene fino a fuoco vivo fino alla completa cottura dei noodles (se necessario unite un po’ d’acqua).

5 Aggiungete i gamberetti, saltate per qualche istante, regolate di sale, servite con il coriandolo e il lime (per decorare non spremuto).

Primi

Crepes radicchio e fontina

crepes, uova, primi, verdure, radicchio, fontina, formaggio

Anche gennaio sta volgendo al termine e io ho messo via ieri l’albero di Natale, avevo tolto gli addobbi ma non avevo voglia di arrampicarmi per recuperare la scatola dell’albero così è rimasto in salotto come macchia di colore fino a ieri.

Un gennaio che non verrà sicuramente ricordato per la sua bellezza o generosità, penseremo sempre al terremoto, alla tragedia dell’albergo, a quelle immagini terribili di neve, ghiaccio, paesi isolati, gente esasperata, famiglie in apprensione, forze dell’ordine che lavorano indefessamente.

Purtroppo anche questa, come tante altre tragedie, verrà presto dimenticata, non si scopriranno mai le responsabilità, rimarrà uno dei tanti misteri italiani, si poteva costruire? avevano avvisato ma non li hanno ascoltati? è stato sottovaluto il rischio? non avevano diramato un’allerta?

Penso a quei bambini che per sempre rimarranno segnati da quei giorni chiusi fra il ghiaccio e le macerie insieme ad altri sconosciuti, alla sensazione di freddo, buio, paura, incertezza che ricorderanno per sempre, li consolerà esserne usciti vivi.

E’ venerdì, cerchiamo di pensare al week end e alle tante cose belle che potremmo fare, a cominciare da queste crepes, ne preparate una bella quantità, un tot le usate per questa ricetta, le altre le tenete pronte per farcirle con la marmellata, il cioccolato o qualsiasi verdura, formaggio. Buon week end

crepes, uova, primi, verdure, radicchio, fontina, formaggio

Ingredienti:

per sei crepes (ve ne verranno di più con queste quantità)

mezzo litro di latte

4 uova

250 gr di farina

60 gr di burro + per ungere la padella delle crepes

1 cespo grande di radicchio

130 gr di fontina

100 gr di besciamella

50 gr di parmigiano grattugiato

sale pepe

crepes, uova, primi, verdure, radicchio, formaggio, fontina

1 Preparate le crepes: sciogliete il burro e lasciatelo intiepidire.

2 Sbattete le uova con la farina unendo poco alla volta il latte a filo, unite il burro, regolate di sale e amalgamate (se doveste vedere dei grumi sbattete il composto con le fruste elettriche).

3 Scaldate con un pezzetto di burro una padella antiaderente, quando sarà ben calda verste trequarti di mestolo roteando il composto nella padella, lasciate cuocere fino a che in superficie non vedrete comparire delle bolle e i bordi si staccheranno bene, lo vedrete aiutandovi con una spatola, girate la crepes e lasciate cuocere un altro minuto o due, proseguite fino al termine della pastella.

crepes, uova, primo, radicchio, formaggio, fontina, verdure

4 Lavate e tagliate grossolanamente il radicchio, fatelo cuocere una decina di minuti in una padella con dell’olio o solo acqua, si cuoce molto rapidamente, fate intiepidire e se necessario strizzatelo dall’acqua in eccesso.

5 Tagliate la fontina a dadini, componete le vostre crepes, mettete su un lato un po’ di radicchio e formaggio, un po’ di besciamella e una spolverata di parmigiano, regolate di sale, arrotolate la crepes su stessa e disponetela in una teglia, proseguite nello stesso modo con le altre crepes.

6 Accendete il forno a 200 gradi, quando sarà ben caldo infornate le crepes per circa 25 minuti, dovranno risultare dorate. Servite calde.

Le quantità di radicchio, formaggio, besciamella e parmigiano variatele secondo i vostri gusti, potreste anche non mettere la besciamella o il parmigiano per non eccedere nei grassi.

crepes, uova, primi, radicchio, verdure, formaggio, fontina

colazioni salate

French toast al bacon

french toast, dal mondo, colazione salata, uova, bacon, salumi

Ogni tanto una colazione super energetica, super calorica, super buona ci vuole!

Il french toast un toast farcito e fritto, ho scelto la versione salata per cambiare un po’, bacon e un formaggio che avevo in casa, uovo e pangrattato, dieci minuti scarsi per prepararlo e cuocerlo.

Devo dire che lo preferisco dolce, con la marmellata di lamponi, fragole, frutti di bosco o ancora meglio con il cioccolato, magari con della cannella o della vaniglia, squisito anche con la frutta fresca.

So che i miei amici diranno -certo che tu fai delle super colazioni, quando ci inviti?-. Ecco, credo sia la quarta volta che lo mangio e la seconda che lo cucino, in vita mia, quindi calmatevi che normalmente le mie colazioni sono con le fette biscottate, ogni tanto con la marmellata.

E’ arrivato il freddo, a me piace, ed è preludio al Natale, ve lo dico fra poco entriamo nel tunnel delle ricette natalizie e le idee regalo, amo questo momento dell’anno!

french toast, dal mondo, colazione salata, bacon, salumi, uova

Ingredienti:

per due persone

6 fette di pane da sandwich

50 gr di bacon a fette

30 gr di formaggio (io Fontina)

2 uova

pangrattato

olio per friggere

french toast, bacon, salumi, uova, dal mondo, colazione salata

1 Disponete tre fette di pane su un tagliere, farcite con il bacon e il formaggio, sovrapponete una seconda fetta di pane, preparate il secondo toast.

2 In un piatto sbattete due uova, immergetevi il toast passandolo bene nell’uovo.

3 Passate il toast nel pangrattato, copritelo bene tutto.

4 Friggete  i toast in una padella con dell’olio ben caldo, prima di girarlo fategli formare una bella crosticina, sarà pronto quando risulterà ben dorato da entrambe le parti. Regolate di sale, servite subito.

french toast, dal mondo, colazione salata, uova, bacon, salumi

 

CONSIGLIA Tahina