Browsing Tag:

uova

Uova/ verdure

Insalata di cetrioli avocado e uova sode

insalata, cetrioli, verdure, avocado, frutta, uova sode

Ecco un’altra ricetta non ricetta, è talmente elementare e semplice creare il piatto che chiamarla ricetta è ridicolo.

In estate la voglia di cucinare viene meno,  io mi trovo in montagna dove è caldo ma non come in città, spesso il desiderio di accendere il forno c’è, come di mangiare un piatto caldo ma la praticità vince comunque.

Diciamo che la voglia di ottenere il massimo con il minimo sforzo rimane immutata ovunque ci si trovi.

Buona giornata!

 

insalata, cetrioli, verdure, avocado, frutta, uova sode

 

Ingredienti:

per due persone

3 uova sode

1 cetriolo

1 patata lessa

1 avocado

olio evo

sale

pepe

 

insalata, uova, cetrioli, verdure, insalata, frutta, avocado

 

1 Pulite il cetriolo e con un pela patate create tante strisce.

2 Sbucciate la patata e tagliatela a fette.

3 Sgusciate le uova sode e dividetele in quattro parte.

4 Sbucciate l’avocado, togliete il nocciolo e tagliatelo a pezzetti.

5 Componete il piatto distribuendo le strisce di cetriolo,le fette di patata, gli spicchi di uova (una mezzo e mezzo a persona) e i pezzi di avocado, condite con olio sale e pepe.

 

insalata, verdure, cetrioli, avocado, frutta, uova

Dal mondo/ Lievitati

Club sandwich con peperoni e melanzane

club sandwich, peperoni, melanzane, tacchino, uova, verdure, patate, dal mondo

Chi non conosce il club sandwich? Il mitico sandwich di origine inglese tagliato a spicchi, farcito su due strati, solitamente con il bacon o pollo, verdure, uova, in realtà con quello che volete.

Di solito è servito anche con le patatine, giusto per stare leggeri…..il bello di questo sandwich è nella composizione, potete davvero inventarvi le combinazioni che preferite, io ho optato per una versione estiva con le verdure di stagione, tacchino e uova.

Spazio a pomodori, cetrioli, vari tipi di insalata, ravanelli, salse, e solo questo potrebbe essere un capitolo consistente, pollo, tacchino, bacon, roast beef, semplici salumi, uova, cheddar, formaggi a fette sottili, tonno, acciughe, carpacci di spada, polpo, salmone e tanto altro.

Di complicato non c’è nulla, unico accorgimento organizzatevi bene per tempo, per esempio grigliate prima (anche il giorno prima) le verdure, se usate uova sode idem , cuocetele con anticipo, mentre se usate il bacon considerate che dovete gestire bene il tempo per inserirlo fra gli strati caldo.

Fate in modo che mentre cuociono le patate (le mie al forno), tostate le fette di pane, il panino viene servito con il pane tiepido o a temperatura ambiente solitamente, fatevi un elenco degli ingredienti e organizzate il lavoro.

club sandwich, peperoni, melanzane, tacchino, uova, verdure, patate, dal mondo

Ingredienti:

per due panini

6 fette di pane a cassetta integrale

2 fette di melanzane

1 peperone

2 uova sode

40 gr di tacchino

lattuga

patate al forno se volete o fritte o nulla o altro

club sandwich, peperoni, melanzane, verdure, uova, tacchino, dal mondo, panino

1 Grigliate le melanzane e il peperone, lasciate intiepidire e tagliate a fette della grandezza del pane.

2 Cuocete le uova sode.

3 Tostate le sei fette di pane.

4 Create i sandwich, su una fetta disponete qualche foglia di lattuga, del peperone e dell’uovo, sovrapponete un’altra fetta di pane e ripetete la stessa farcitura, chiudete il panino con una fetta di pane, fate una leggera pressione e chiudete con uno stecchino di legno.

5 Proseguite nello stesso modo inserendo la lattuga, le melanzane e il tacchino. Chiudete e servite i due sandwich tagliati a metà.

Ricordate di aggiungere sale e pepe fra gli strati di pane.

club sandwich, panino, dal mondo, verdure, peperoni, melanzane, tacchino, uova

dal mondo, pane, panini, sandwich, verdure, peperoni, melanzane, uova, tacchino, patate

Primi

Crepes con pesto patate e fagiolini

crepes, patate, pesto, fagiolini, verdure, primi, uova

crepes, patate, pesto, fagiolini, verdure, primi, uova

E’ un periodo in cui si rompe tutto, il pc è un mese che mi fa impazzire, lo riparano non senza fatica, mille prove, tentativi, torna a casa e cinque giorni dopo ha nuovamente qualche problema, sto usando un pc non mio, vecchio come mia nonna, vi dico solo che le foto le vedo sgranate da quanto il monitor è “antico”,  in poche parole ho scelto le foto che parevano le meno peggio non potendo vederle bene.

Il telefono ogni giorno mi regala un problema diverso, sistemi ne salta fuori un altro, e altri  guasti che non sto   a raccontarvi per non tediarvi, diciamo che son giorni che inseguo, mi arrangio, corro di qua e di là, in poche parole mi stresso!

Passando alla ricetta, per me un signor primo, essendo un amante delle crepes  e del pesto non potrei non amare questo connubio arricchito dalle patate e dai fagiolini, un piatto unico che sazia, che ha gusto, profumo, colore.

Buona settimana!

 

crepes, uova, patate, pesto, fagiolini, verdure, primi

 

Ingredienti:

per le crepes, circa 12

4 uova

60 gr di burro fuso

250 gr di farina

mezzo litro di latte

due patate lesse

100 gr di fagiolini lessati

100 gr di mozzarella a pezzetti

150 ml di pesto ( ricetta qui)

100 gr di parmigiano grattugiato

 

crepes, uova, patate, fagiolini, pesto, primi

1 Per le crepes, sbattete in una ciotola le uova, unite poco alla volta la farina sempre mescolando, nel mentre unite poco alla volta anche il burro, quando avrete ottenuto un composto omogeneo piuttosto denso, unite a filo il latte sempre mescolando, regolate di sale.

pesto, patate, fagiolini, crepes, uova, primi, verdure

2 Scaldate una padella antiaderente con una noce di burro, versate trequarti di mestolo con un mestolo, fate cuocere fino a che non cominceranno a comparire delle bolle, aiutandovi con una spatola girate la crepes e lasciate cuocere per un altro minuto, proseguite nello stesso modo fino al termine degli ingredienti.

3 Prendete una tortiera (va bene una pirofila, uno stampo a cerniera, quello che preferite che sia più o meno grande come le crepes), imburratela, disponete una crepes poi farcite con i fagiolini tagliati grossolanamente, alcuni fette di patate tagliate precedentemente, un cucchiaio di pesto, pezzetti di mozzarella  e una spolverata di parmigiano, proseguite nello stesso modo fino al termine delle crepes e del condimento.

pesto, patate, fagiolini, crepes, uova, verdure, primi

4 Accendete il forno a 200 gradi, infornate per circa 25 minuti, servite calda o tiepida.

NOTE: può essere che vi avanzino delle crepes, la grandezza delle crepes dipende dalla grandezza della padella e da quanto distribuite il composto, potete farle più grandi e diminuire gli strati, così come distribuite gli ingredienti a piacere aumentando o diminuendo le dosi a gusto.

uova, crepes, verdure, patate, fagiolini, pesto, primi,

 

 

DOLCI

Crostata alle mandorle

crostata, colazione, merenda, torte, dolci, mandorle, frutta secca, uova

crostata, torta, dolci, colazione, merenda, frutta secca, mandorle, uova

Una torta ricca, di uova  e mandorle, ho una grande quantità di uova da  smaltire, ho cominciato con questa torta che fra frolla e ripieno ne contiene dieci, tranquilli, sono tante ma la torta è bella grande, perfetta per 12-14 persone, inoltre dura diversi giorni, anche quattro o cinque, non ingerirete troppe uova alla volta.

Diciamo che è preferibile prepararla in occasione di feste, colazioni con amici e parenti, da portare a un pic nic, per due persone è davvero grande e mangiarla per giorni dopo un po’ stanca, valutate voi, unica raccomandazione usate uno stampo grande, la prima volta che la feci anni fa scelsi una pirofila normale e strabordò il ripieno, direi uno stampo 24 cm di diametro.

Se preferite potete prepararla anche tutta nocciole o noci o un mix di frutta secca con quantità variabili, sempre attorno ai 400 grammi.

Devo fare tremila cose quindi scappo, vi auguro una felice giornata.

crostata, colazione, merenda, torte, dolci, mandorle, frutta secca, uova

Ingredienti:

350 gr di pasta frolla (impastate insieme 440 di farina 00, 1 uovo, 1 tuorlo, 250 gr di burro, 200 gr di zucchero)

8 uova

100 gr di zucchero

200 gr di farina di mandorle

150 gr di mandorle tritate grossolanamente

5 cucchiai di sherry ( o altro liquido anche succo, o liquore)

crostata, torta, dolci, colazione, merenda, frutta secca, mandorle, uova

1 Stendete la frolla in uno stampo a cerniera ben imburrato, forate il fondo con i rebbi di una forchetta, mettete a riposare in frigorifero.

crostata, torte, dolci, mandorle, frutta secca, uova, colazione, merenda

2 Separate i tuorli dagli albumi.

3 Lavorate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso  e chiaro, unite la farina di mandorle, le mandorle tritate e lo sherry, amalgamate.

4 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda montate a neve gli albumi.

5 Unite delicatamente gli albumi al composto, aiutatevi con una spatola unendoli dal basso verso l’alto, versate il composto nella tortiera con la frolla, infornate per 40 minuti circa, infiliate uno stecchino per veriificare la cottura.

colazione, merenda, torte, dolci, mandorle, frutta secca, uova

crostata, torta, dolci, colazione, merenda, uova, mandorle, frutta secca

crostata, torta, dolci, mandorle, frutta secca, uova, colazione

Primi

Tagliatelle con fave speck e pecorino

tagliatelle, pasta fresca, primi piatti, pasta all'uovo, pecorino, formaggio, salumi, speck, fave, legumi

fave, legumi, speck, salumi, pecorino, formaggio, primi piatti, pasta fresca, pasta all'uovo, tagliatelle

Le mie zie romagnole (prozie per essere precisi) son le maestre della pasta fresca, anche mia nonna, sorella delle due zie,  di tagliatelle ne hanno preparate a milioni per sessanta’anni e oltre, mia mamma  ne ha impastate altrettante e io non avevo mai pensato a una ricetta con questo tipo di pasta fresca che ho mangiato diecimila volte!

Forse perchè parlando di pasta fresca preferisco da sempre le lasagne e i cannelloni, poi tortelli, ravioli, agnolotti, cappelletti e tutta la pasta piena, per ultime le tagliatelle, non so perchè ma le ho sempre apprezzate meno,  misteri della vita.

Sabato in giro con amici, domenica a casa mi è venuta voglia di impastare, uova e farina non mancano mai, la macchina per la pasta fresca spesso mi guarda richiedendo maggiori attenzioni, tradotto utilizzo, è stato un richiamo a cui non ho potuto non dare ascolto.

Per condimento un classico della stagione, le fave e il pecorino, lo speck che adoro.

Indubbiamente la pasta fresca che si tratti di trofie o tortellini, orecchiette o cannelloni, profuma di casa, di tradizione, di mani in pasta, di nonne, mamme che insegnano come si prepara, un viaggio per l’Italia dove in ogni regione puoi gustare qualche specialità, in Liguria i pansotti, in Toscana i pici, gli agnolotti in Piemonte e potremmo continuare per ore.

La pasta fresca nella sua semplicità racconta il nostro Paese, le sue tradizioni tramandate da secoli, le abitudini, la vita delle famiglie, i sughi e condimenti tipici, i pranzi della domenica, i piatti delle feste, la maestria di chi insegna alle nuove generazioni trucchi, manualità, procedure.

Buona settimana.

tagliatelle, pasta fresca, primi piatti, pasta all'uovo, pecorino, formaggio, salumi, speck, fave, legumi

 

Ingredienti:

per circa due tre persone

2 uova grandi

200 gr di farina

sale

100 gr di fave fresche o surgelate

40 gr di speck a listarelle (o come volete)

50 gr di pecorino grattugiato

sale

pepe

 

tagliatelle, pasta fresca, primi piatti, pasta all'uovo, pecorino, formaggio, salumi, speck, fave, legumi

1 Preparate la pasta fresca disponendo su un piano da lavoro la farina, formate una fontana, aggiungete il sale e le due uova, sbattetele con una forchetta, poco alla volta sempre con la forchetta o con le mani se preferite, incorporate farina, continuando a impastare in pochi minuti otterrete una pasta liscia e compatta.

2 Dividete la pasta a fette di almeno 1 cm di spessore, infarinate il piano, poi con l’aiuto della macchina per tirare la pasta passate il vostro pezzetto dal sesto al primo step, la pasta da spessa diventerà sempre più sottile fino a diventare quasi un velo.

tagliatelle, pasta fresca, pasta all'uovo, fave, legumi, pecorino, formaggio, salumi, speck, primi piatti

3 Passate la vostra striscia di pasta, se troppo lunga e difficile da maneggiare tagliatela a metà, nell’apposito spazio per le tagliatelle, disponetele ben distanziate su un vassoio infarinato, procedete fino al termine della pasta.

4 Lessate le fave.

5 In una padella ben calda saltate lo speck senza aggiungete olio, quando sarà ben rosolato unite le fave, regolate di sale, cuocete per qualche minuto ( se necessario aggiungete un filo d’olio d’oliva).

6 Cuocete le tagliatelle come qualsiasi piatto di pasta, cottura tre quattro minuti al massimo, scolatele, conditele con le fave e lo speck, spolverate di pepe e di pecorino nella pentola o direttamente nei piatti in tavola.

tagliatelle, pasta fresca, primi piatti, pasta all'uovo, salumi, speck, pecorino, formaggio, fave, legumi

tagliatelle, pasta fresca, primi piatti, pasta all'uovo, pecorino, formaggio, salumi, speck, fave, legumi

contorni

Quiche con pollo e taccole

quiche, francia, torta salata, pic nic, pasta matta, carne, pollo, taccole, verdure

quiche, francia, torta salata, pic nic, pasta matta, carne, pollo, taccole, verdure

 

Non sono una patita delle torte salate, già detto in altre occasioni ma essendo ottime per svuotare il frigo e finire gli avanzi eccone un’altra!

Il motivo principale per cui ho preparato questa quiche è che volevo provare a fare la pasta matta, non so perchè si chiami così, avendo la ricotta ecco l’occasione, il ripieno un avanzo di taccole della sera prima, due petti di pollo.

Non avevo mai fatto la pasta con la ricotta, ne avevo sentito parlare già da tempo, un’amica da sempre prepara ottime torte con questa pasta, poi come spesso accade l’avevo rimossa fino a l’altro giorno in cui ho letto una ricetta con questa pasta sul blog di Scamorze ai fornelli, ho subito replicato.

Superfluo dire che questa torta è perfetta sempre, per i pasti come antipasto, per un pic nic, a una grigliata, in viaggio divisa già a fette, si conserva bene per giorni in frigorifero e potete farcirla come preferite.

Il pic nic che ieri a Milano pareva dietro l’angolo, caldo, 25 gradi alle 17 tanta gente in maglietta, turisti in sandali e vestitini avvistati sui navigli, oggi sembra un ricordo, cielo grigio, nuvole basse, possibilità di pioggia e soprattutto maglione e giacca. Complice un desiderio di dormire immenso, si preannuncia un week end di riposo, dormo ma non basta, la mattina me la cavo, il pomeriggio una tragedia, avrei bisogno degli stuzzicadenti per tenere aperti gli occhi.

Buon week end e fatemi sapere se il passo passo delle spiegazioni è comprensibile.

Ingredienti:

per la pasta

250 gr di farina 00 bio

250 fr di ricotta

2 cucchiai di olio

50-60 ml di acqua

sale

per il ripieno:

4 uova

250 ml di panna fresca

180 gr di taccole

2 petti di pollo (circa 200 gr ma quantità a piacere)

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

sale

pepe

1 Preparate la pasta lavorando insieme tutti gli ingredienti, rapidamente otterrete una pasta liscia, elastica e omogenea.

2 Ungete leggermente una teglia, stendete la pasta con le mani o con il mattarello, riempitela fino ai bordi, spessore 5-6 mm. Se vi avanza pasta fate le strisce da mettere sulla superficie o tenetela da parte per un altro impasto.

quiche, torta salata, francia, pollo, carne, taccole, verdure, pasta matta, pic nic

3 Lessate le taccole dopo averle lavate, spuntate e tagliate e pezzi di circa 2 cm.

4 Scaldate con un cucchiaio di olio una padella, aggiungete il pollo tagliato a pezzetti (se preferite cuocetelo a fette e tagliatelo dopo).

5 In una ciotola sbattete le uova con la panna, sale, pepe, il parmigiano.

quiche, francia, pollo, carne, taccole, verdure, torta salata, pic nic, pasta matta

6 Unite al composto liquido il pollo e le taccole.

quiche, francia, torta salata, pic nic, pasta matta, pollo, carne, verdure, taccole

7 Accendete il forno a 180 gradi, distribuite il composto sulla torta, infornate per circa 45 minuti. Sfornate servite tiepida o come preferite.

quiche, torta salata, pasta matta, verdure, taccole, pollo, carne

Primi

Crespelle spinaci e ricotta

ricotta, formaggio, spinaci, verdure, primi, crespelle, pasta fresca,uova

ricotta, formaggio, spinaci, verdure, primi, crespelle, pasta fresca,uova

Amo molto le crespelle, più della pasta fresca intesa come ravioli, tortellini, cannelloni, solo le lasagne le equiparo alla bontà delle crespelle, adoro la consistenza della crepes, scegliere la farcitura che può essere un grande classico come in questo caso o un modo ideale per svuotare il frigo, riciclare avanzi, le crespelle son buone con tutto dai salumi alla verdure, dal pesce ai formaggi.

Inoltre l’impasto è lo stesso delle crepes, delle girella di uova, preparandone una dose si possono fare le crespelle, tenerne da parte due per la colazione da accompagnare a marmellata, cioccolato o altro, preparare un antipasto carino come le girelle farcite, mettiamoci che si conservano diversi giorni in frigorifero son perfette.

Le fono non rendono ne’ la bellezza, ne’ la bontà, quando le ho fatte non ero ispirata, sin dal primo scatto ho capito che non avrei fatto foto soddisfacenti, per me ovviamente, ci son quei giorni in cui manca l’estro, la grinta, l’ispirazione, in cui anche quando cucini qualcosa non torna, ti cade tutto o non hai tanta voglia, fai qualche pasticcio, scordi un ingrediente, dimentichi il timer.

Ecco queste crespelle son state fotografate in uno di quei giorni in cui non capisci la luce, vedi riflessi ovunque, squilla il cellulare, chiudi la tenda, riapri la tenda, qualunque cosa fai non ti piace e quindi lasci perdere rapidamente.

Tempo infame consoliamoci con le crespelle!

crespelle, primi, pasta fresca, uova, spinaci, verdura, ricotta, formaggio

Ingredienti:

250 gr di farina

4 uova

60 gr di burro

mezzo litro di latte

sale

500 gr di spinaci

250 gr di ricotta

150 gr di parmigiano

ricotta, formaggio, spinaci, pasta fresca, uova, verdura spinaci, primi

1 Sciogliete il burro, lasciate intiepidire.

2 In una ciotola capiente sbattete le uova, unite poca alla volta la farina e il latte a filo, mescolate con una frusta, unite il sale e infine il burro, lasciate riposare per quindi minuti.

3 Lessate gli spinaci freschi o surgelati, strizzateli bene poi lavorateli con la ricotta e 70 gr di parmigiano, regolate di sale, dovrete ottenere un composto omogeneo.

4 Preparate le crespelle, ungete con del burro una padella antiaderente, versate trequarti di mestolo distribuendo il composto su tutta la superficie della padella, lasciate cuocere per un paio di minuti poi aiutandovi con una spatola girate la crespelle dall’altro lato, dovranno risultare dorate, proseguite fino al termine del composto.

5 Accendete il forno a 200 gradi, componete le crespelle mettendo un cucchiaio abbondante di ripieno di spinaci in ognuna, chiudetela in quattro, disponetele su una teglia da forno imburrata, cospargete con il parmigiano rimasto, se volete anche con della besciamella, infornate per 20 minuti, sfornate e servite calde.

La quantità di crespelle che otterrete varia a seconda dello spessore della crespelle, se le fate sottili ne avrete circa 16-17, se le fate più spesse 10-11, varia anche a seconda della grandezza della padella.

crespelle, uova, primi, ricotta, formaggio, spinaci, verdure, pasta fresca

colazioni salate

Croque Madame

colazione salata, toast, francia, dal mondo, formaggio, prosciutto, uovo

colazione salata, toast, francia, dal mondo, formaggio, prosciutto, uovo

Italia/Francia una sfida infinita o forse potremmo dire una sana rivalità? un rapporto fra cugini? un ribadire continuo -siamo meglio noi-?

Valentino, Armani, Versace la moda italiana celebre nel mondo o Coco Chanel e Christian Dior, altrettanto noti?

Dilemma non da poco meglio i vini italiani o quelli francesi, Langhe, Monferrato, Chianti, Valpolicella o Borgogna, Bordeaux, Champagne? (nel dubbio bevo entrambi…).

Pizza, pasta e gelato prelibatezze uniche per noi, nostri marchi di fabbrica famosi in tutto il mondo o crepes, tarte tatin, baguette, paris brest?

E cosa vogliamo dire di Berlino 2006, finale del mondiale Italia/Francia, gloriosamente vinta da noi ma che viene ricordata anche per la testata di Zidane a Materazzi?

Se parliamo di cinema, meglio la croisette di Cannes, vista mare, tappeto rosso o l’incantevole Venezia, con i canali, le gondole, la sua bellezza?

Roma caput mundi con la sua storia, i suoi resti, le rovine, meraviglie come il Colosseo, il Pantheon, le terme di Caracalla, fontana di Trevi? Parigi, ritenuta la città più romantica del mondo, luogo imperdibile da almeno una volta nella vita con le passeggiate lungo la Senna ammirando Notre Dame, la maestosità della torre Eiffel, i negozi lungo gli Champs Elysees, il Louvre, i giardini di Versailles?

Dilemma millenario che ci terrà sempre compagnia, mentre gli altri ci pensano prepariamo il croque madame, una non ricetta che si prepara in dieci minuti scarsi, veloce, semplice e regala tanta soddisfazione a colazione o per il brunch ma anche come piatto unico!

In un’altra puntata il croque Monsieur.

dal mondo, toast, uova, prosciutto, formaggio, francia, colazione salata, brunch

 

Ingredienti:

per due persone

4 fette di pane grandi (tipo a cassetta)

2 fette abbondanti di prosciutto cotto

4 fette di Emmenthal

2 uova

erba cipollina

sale

francia, dal mondo, toast, prosciutto, formaggio, uova, colazione salate

1 Preparate  i toast farcendo due fette di pane con il formaggio e il prosciutto, richiudetele.

2 Mettete un foglio di carta forno su una teglia, infornate in forno già caldo a 200 gradi per cinque minuti, dopo i cinque minuti altri due minuti con il grill.

3 Nel mentre cuocete due uova al tegamino in una padella antiaderente, salate (se volete mettete anche il pepe).

4 Lavate e asciugate qualche stelo di erba cipollina, tritateli grossolanamente.

5 Componete il vostro croque madame mettendo i toast ben caldi direttamente sul piatto dove lo mangerete, adagiatevi delicatamente l’uovo, decorate con erba cipollina, servite subito caldo.

francia, dal mondo, colazione salata, uovo, formaggio, prosciutto, toast

DOLCI

Torta di pere e cannella

torta, dolce, pere, cannella, frutta, spezie, merenda, colazione, uova

torta, pere, cannella, uova, dolce, merenda, frutta, colazione, spezie

Ecco un classico esempio di brutto ma buono, bella non è ma buona parecchio. Forse più che torta andrebbe chiamata frittata, decidete voi, cambia poco, a non renderle giustizia anche le foto, praticamente al buio.

Il classico dolce perfetto in ogni occasione della giornata, facilissimo da fare, pochi ingredienti, pochi passaggi, quel tocco in più della cannella e qualche pezzo di cioccolato bianco che è bello sentire sotto i denti. Potete variare tranquillamente il tipo di frutta, omettere la cannella o aggiungerne altre come la noce moscata, il cardamomo, evitare il cioccolato o metterne un altro tipo, aggiungere frutta secca, decorare con zucchero a velo.

Diciamo che si tratta di uno di quei dolci dove potete giocare con la fantasia o svuotare la dispensa, difficile sbagliare e quanto a bontà il risultato è garantito, il dolce veloce per questi giorni di pioggia incessante dove nel silenzio di casa si sente solo il rumore dell’acqua che scende con insistenza.

Divano, coperta, film o serie tv, cioccolata calda o te, un dolcetto, un buon libro, un sottofondo musicale, i pomeriggi domenicali migliori quando fuori piove o fa freddo, quando la voglia di uscire manca e l’idea di mettersi l’impermeabile, gli stivali, il cappello, andare in giro con mille ombrelli che ti colano acqua addosso proprio non c’è.

Felice settimana!

dolce, colazione, merenda, frutta, pere, cannella, spezie, uova

 

Ingredienti:

6 uova

2 pere

cannella

50 gr di cioccolato bianco

60 gr di zucchero di canna

30 gr di burro

torta, dolce, pere, cannella, frutta, spezie, merenda, colazione, uova

1 Sbucciate le pere e tagliate a pezzetti nel verso della lunghezza.

2 Scaldate una padella antiaderente aggiungete il burro, dopo qualche istante mettete le pere, la cannella quantità a piacere e metà dello zucchero, fate cuocete per cinque-dieci minuti mescolando ogni tanto.

3 In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero restante, unite il cioccolato spezzettato grossolanamente, mescolate.

4 Accendete il forno a 200 gradi, imburrate bene una pirofila, versate la frutta disponendola su tutta la superficie, versate il composto di uova, infornate per 30 minuti, sfornate, servite tiepida o fredda.

torta, dolce, uova, merenda, colazione, frutta, pere, cannella, spezie

Antipasti

Smorrebrod con uova di quaglia e pesce spada

uova di quaglia, pesce spada, pesce, finger food, antipasto, stuzzichino, burro, insalata, danimarca

uova di quaglia, pesce spada, pesce, finger food, antipasto, stuzzichino, burro, insalata, danimarca

Qualcuno avrà capito subito, qualcuno starà pensando ma di cosa sta parlando, che significa smorrebrod? Si tratta di un piatto tipico danese molto noto, base pane nero (io mix nero e semi misti) e burro, sopra quel che si preferisce, salumi, pesce affumicato, uova, verdure, formaggi e quant’altro.

A Copenhagen l’ho mangiato con le aringhe con tre presentazioni diverse, una era con pomodori capperi cipolle, un’altra con una salsa al curry e arancia e l’ultima con una salsa allo yogurt e aneto, una vera bontà anche se l’aringa a mio avviso stanca, meglio altri pesci.

Una ricettina che definirla tale è ridicolo perchè si prepara in un secondo, ho visto le uova di quaglia e le ho prese subito, le trovo raramente, in offerta il carpaccio di pesce spada ed ecco pronti gli smorrebrod. Uno sfizio che diventa un pranzo, un aperitivo rinforzato anche perchè non ne mangi uno e difficilmente neanche due….

Secondo me potete prenderli in considerazione anche per il vostro menù natalizio, una proposta diversa dal solito, invece del solito piatto di salumi e formaggi, o al posto dei più classici gamberi, gamberetti, magari preparate una buona maionese fatta in casa, magari aromatizzata all’aglio, al prezzemolo o quel che preferite, comprate dell’ottimo pane nero, un buon burro magari leggermente salato e poi farcite con quel che vi piace.

Veloce da preparare e sapori diversi da gustare. Provate, chi è stato in Danimarca o in altri paesi scandinavi sa di cosa sto parlando, gli altri colgano l’occasione per andarci, Copenhagen è una città bellissima.

Ultima annotazione, non si scrive proprio così, ci son caratteri che non ci son sulla nostra tastiera (o magari ci sono e io non so quali siano).

Buona settimana.

 

pesce spada, uova di quaglia, pane, burro, insalata, danimarca, stuzzichino, finger food, antipasto

 

Ingredienti:

pane nero o con semi o come preferite basta che sian fette sottili

uova di quaglia

burro temperatura ambiente

insalata a piacere la qualità

carpaccio di spada

 

danimarca, pane, burro, uova di quaglia, finger food, antipasto, pesce spada, pesce, insalata, stuzzichino

1 Scaldate il pane o tostalo, velocemente imburratelo e farcitelo con l’insalata, le uova tagliate a metà (prima sgusciate ovviamente) e il carpaccio di spada, guarnite secondo la vostra fantasia, servite subito.

Non ho indicato dosi esatte, regolatevi voi variando a vostro piacere la quantità degli ingredienti, potete anche omettere qualcosa o/e sostituirlo con altro.

pesce, pesce spada, uova di quaglia, burro, insalata, danimarca, finger food, antipasto, stuzzichino

CONSIGLIA Torta al cioccolato